Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Tommaso Mauro

Apologia di Cyrano

T'ho amata, col cuore di chi sa, che non potrà mai specchiarsi nei tuoi occhi, t'ho amata, con la mente, lucida, di chi comprende, che il fato o la sorte gli sono avversi, t'ho amata, col corpo di chi comprende i propri limiti. T'ho amata.
Ma cos'è l'amore, se non il cercare di rendere felice l...
[continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Tommaso Mauro

    Apologia di Paolo

    Sì piangevo, piangevo perché null'altro avevo da dire. Ma sia chiaro non piangevo perché avevo peccato, né perché patissi in anticipo la sorte che mi attendeva, piangevo per Amore, piangevo perché avevo costretto ad una squallida sorte la donna, che più di ogni altra persona al mondo volevo... [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Tommaso Mauro

      Apologia di Romeo di Villanova

      Eccomi, sono tornato, vedo lo stupore sui vostri volti, pensavate forse che Romeo da Villanova fosse morto mendico? Pensavate fossi perito durante le alluvioni che hanno colpito l'Italia, o durante la peste che ha colpito il ducato di Mantova? Ma il mio corpo era forte e il mio spirito anche... [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Tommaso Mauro

        Certi notti

        Ci son volte che cerchi di riempire un foglio bianco, illudendoti che una volta riempito tu sarai più sereno, liberando da quel peso che la notte non ti fa dormire... Ma l'illusione è una brutta bestia ti fa vedere bianco ciò che è nero, e ti fa credere in cose che non saranno mai... Inizi a... [continua a leggere »]
        Vota il racconto: Commenta