Scritto da: PaulVal

Chiudo gli occhi per vedere meglio

Alzo lo sguardo lontano e ordino il rompete le righe ai miei pensieri. La cagionevole prosa del mondo mi snida dall'universo parallelo nel quale mi ero rifugiato.
È l'occhio a creare l'orizzonte, e l'orizzonte è troppo vicino quando si è piccoli, ma laggiù, dove il cielo ha il colore del mare...
[continua a leggere »]
Paul Valenti
Composto domenica 29 marzo 2015
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: PaulVal

    Danang, Vietnam, Gennaio 2015

    Ho iniziato l'anno all'ombra di un mare rabbioso e inospitale, di un color caffè con troppo latte, in un Vietnam centrale spazzato dalla stagione dei monsoni. Pioggia, e poi pioggia, e ancora pioggia: "Tenere in luogo umido", deve esserci scritto sulla ricetta per il Vietnam, perlomeno durante... [continua a leggere »]
    Paul Valenti
    Composto venerdì 2 gennaio 2015
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: PaulVal

      E alla fine si possiede solo ciò che si è dato

      Tony era un inglese dalla pazzia tranquilla e garbata e, come ogni giorno, presidiava il solito Pub di Brighton, East Sussex, dove passava il tempo a trasformare le tante ore in altrettante sbornie. Gli inglesi hanno l'imprevedibilità della gente incivile, il loro genio è senza controllo, così... [continua a leggere »]
      Paul Valenti
      Composto giovedì 15 gennaio 2015
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: PaulVal

        L'Asia dall'alto

        L'Asia da un aeroplano, dall'alto dei suoi trentamila piedi di quota e al passo delle sue seicento miglia all'ora di velocità, sembra nient'altro che se stessa. Là sotto il mondo vede passare un aereo, ma quassù io vedo passare il mondo: siamo pari! Dal piccolo oblò cerco qualche punto di... [continua a leggere »]
        Paul Valenti
        Composto lunedì 2 febbraio 2015
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: PaulVal

          Saigon, Vietnam, Marzo 2015

          Saigon, Vietnam, Marzo 2015
          Il motivo per cui corro è per tenermi in forma, ma ogni tanto mi domando se sto scappando da qualcosa oppure se sto inseguendo me stesso. Corro di primo mattino lungo gli spazi più o meno verdi di Saigon, laddove gli spazi sono più verdi nel dirsi che nel loro verde...
          [continua a leggere »]
          Paul Valenti
          Composto martedì 3 marzo 2015
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di