Scritto da: Marco Teocoli

Un amore impossibile, o quasi

Capitolo: 11
La domenica trascorse velocemente. Altri momenti piacevoli li ho vissuti ai giardini inglesi a veder giocare i miei bambini. Dopo una breve cena con degli amici arrivò l'ora di mettere a dormire i pargoli e mentre fra un pensiero e l'altro facevo zapping, mia moglie era già in camera appisolata... [continua a leggere »]
Marco Teocoli
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Marco Teocoli

    Un amore impossibile, o quasi

    Capitolo: 12
    Non finisci mai di conoscere una persona, neanche dopo 19 anni. Avevo 17 anni quando conobbi Maria per la prima volta, era bellissima e mi piacque subito. Eravamo in una festa da amici comuni. Per essere preciso, un nipote di mia madre mi invitò a trascorrere un periodo dell'estate nella sua... [continua a leggere »]
    Marco Teocoli
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Marco Teocoli

      Un amore impossibile, o quasi

      Capitolo: 13
      Juanita era devota al suo lavoro. Preferiva trascurare se stessa piuttosto delle scartoffie che ogni giorno opacizzavano la trasparenza della maestosa scrivania in cristallo. La sua stanza era arredata con gusto, ma dava la sensazione della trasparenza, della legalità e trasmetteva un messaggio... [continua a leggere »]
      Marco Teocoli
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Marco Teocoli

        Un amore impossibile, o quasi

        Capitolo: 14
        Ci sono voluti sette mesi prima di riprendere il cammino verso la conclusione di questo racconto, che per certi aspetti potrebbe non servire a nulla, ma per altri accende una fiaccola per illuminare le parole provenienti dal mio cuore e dirette a chiunque desideri dalla vita un'altra possibilità... [continua a leggere »]
        Marco Teocoli
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Marco Teocoli

          Un amore impossibile, o quasi

          Capitolo: 15
          La spiaggia era cosparsa di piccoli rifiuti, aspettava qualcuno che la avrebbe ripulito e la avrebbe preparato per un nuovo giorno. Erano le sette e mezzo di una domenica speranzosa di sole, quando mi apprestai a calpestare le orme lasciate il sabato sera da gruppi di giovani ragazzi.
          Osservavo...
          [continua a leggere »]
          Marco Teocoli
          Vota il racconto: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di