Questo sito contribuisce alla audience di

Scritto da: Marco Teocoli

Un amore impossibile, o quasi

Capitolo: 05
Il mio studio si trova in una strada secondaria in un elegante condominio nei pressi di Via Notarbartolo e Via Libertà. Non è esclusivo come lo studio del mio amico Antonio Denaro, ma è dotato di tutti i comfort e delle apparecchiature necessarie alla mia professione.
Il locale è in affitto, e...
[continua a leggere »]
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Marco Teocoli

    Un amore impossibile, o quasi

    Capitolo: 10
    Il primo raggio di sole non aveva ancora illuminato l'uscio della porta della mia camera da letto che si affaccia su un ampio balcone. Ero in giro per casa a rovistare fra la biancheria.
    Presi gli indumenti idonei per uscire con la moto di buon'ora. Nonostante l'alba faceva sperare in una...
    [continua a leggere »]
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Marco Teocoli

      Un amore impossibile, o quasi

      Capitolo: 13
      Juanita era devota al suo lavoro. Preferiva trascurare se stessa piuttosto delle scartoffie che ogni giorno opacizzavano la trasparenza della maestosa scrivania in cristallo. La sua stanza era arredata con gusto, ma dava la sensazione della trasparenza, della legalità e trasmetteva un messaggio... [continua a leggere »]
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Marco Teocoli

        Un amore impossibile, o quasi

        Capitolo: 04
        Mi decisi ad andare presso la casa editrice Febri in Via De Santis al numero 309 con il pretesto di abbonarmi alla rivista "Grafica Attuale".
        La mattina del 1 Marzo andai con la moto, per esser certo di trovare subito il parcheggio. Infatti, lasciai la moto sul marciapiedi davanti al maestoso...
        [continua a leggere »]
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Marco Teocoli

          Un amore impossibile, o quasi

          Capitolo: 16
          Ero un uomo che non aveva scrupoli. Pur di arrivare alla meta complicavo le cose. Egoismo puro.
          Questo è quello che dicevano di me, amici e nemici. Era comprensibile che i nemici mi attribuissero tali aggettivi. Quello che non giustifico è come possono gli amici dirti ciò che dicono i tuoi...
          [continua a leggere »]
          Vota il racconto: Commenta