Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Francesca Zangrandi

Studentessa, nato lunedì 11 marzo 1991 a Merano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Francesca Zangrandi

Giardino di vita

Penso al giardino delle sofferenze di Leopardi, mentre osservo il panorama da una finestra di un treno. Penso a quanto sono belle le mie montagne. Leopardi diceva che ogni giardino appare bello ma che se osservassimo più da vicino vedremmo l'orrore e la sofferenza che ogni essere prova per vivere... [continua a leggere »]
Composto venerdì 6 aprile 2012
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Francesca Zangrandi

    Guarda con altri occhi

    Una bambina guardava un prato, intorno a lei non vedeva altro che foglie secche e marce. Arrivò un Maestro e vedendola triste le chiese: "Cosa vedi?" La bimba disse: "Quello che c'è", "e cosa c'è?" La bimba lo guardò stupita "Solo piante secche e marce". A quel punto il Maestro le disse... [continua a leggere »]
    Composto sabato 18 aprile 2015
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Francesca Zangrandi

      La voce

      Vi voglio raccontare una storia. La storia di un uomo che credeva in quello che la sua religione diceva di credere. Questo uomo ogni giorno si confessava alle 7.00 di mattina presso il luogo di culto del suo villaggio. "Portatore della Voce oggi ho molto peccato" diceva sempre, e raccontava i... [continua a leggere »]
      Composto domenica 13 aprile 2014
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Francesca Zangrandi

        Rapporti umani

        Non riesco a comprendere i rapporti umani.
        C'è gente che mantiene a vita una relazione piena di sofferenze e cose irrispettose, e c'è gente che si ama e nonostante sia vero amore, si lascia.
        Non riesco a trovare una logica in questo, anche se ho abbandonato da tempo l'idea che ci possa essere...
        [continua a leggere »]
        Composto martedì 8 novembre 2011
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Francesca Zangrandi

          Sabato sera

          Sabato sera seduta su un muretto da sola.
          Pensieri che si susseguono.
          Occhi assenti.
          "Perché sei sola?" Interruzione.
          "Così?"
          "Perché così?" Insistenza.
          "Ti interessa veramente?"
          "Sì" tipica risposta.
          "Non è vero. Se uno sconosciuto ti fa una domanda è perché vuole avere qualcosa in cambio"
          "Cosa...
          [continua a leggere »]
          Composto martedì 8 giugno 2010
          Vota il racconto: Commenta