Questo sito contribuisce alla audience di

Racconti di Fabio Privitera

Consulente informatico, nato lunedì 24 aprile 1978 a CATANIA
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritto da: Fabio Privitera
Uno dice sono così, sono me stesso, penso a me stesso e mi comporto di conseguenza a come gli altri si comportano con me. Sano egoismo lo chiamano, ma l'egoismo non è sano e uno che la pensi così non è che lontano di parecchio da sé. Fin quando le proprie reazioni sono dettate dalle azioni e i... [continua a leggere »]
Composto martedì 22 dicembre 2015
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Fabio Privitera
    La natura ci ha fornito di tutto il necessario per vivere felici. Ci ha fornito anche di una mente ma, ahimè, nessun libretto d'istruzioni che illustrasse come usarla ed è da quest'innata ignoranza di ciò che guida le nostre scelte che ha origine l'infelicità. Tuttavia lungo la vita puoi notare... [continua a leggere »]
    Composto martedì 8 settembre 2015
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Fabio Privitera
      Io di lei mi innamorai profondamente fino a ché ogni mio senso combaciava con un lembo del suo tessuto nervoso, sentendola cosi endemicamente da non poter dubitare che quella fosse la sensazione dell'unico amore, quello che si cerca tutta la vita e che alle volte si sorseggia dalle mani ma che... [continua a leggere »]
      Composto domenica 12 luglio 2015
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Fabio Privitera

        A per sempre

        Stetti immobile ancora un po' appeso a quelle labbra. Un bacio di cui persi il tempo e che non volevo finisse, non voleva finire. Poi gli occhi si aprirono, unisoni come se qualcosa attraverso le nostre bocche li avesse guidati.
        Tornò il tempo e si accese lo spazio. Con essi la mancanza e la...
        [continua a leggere »]
        Composto venerdì 21 novembre 2014
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: Fabio Privitera

          Buonanotte

          Finché d'un fiato saprò bere la notte in quel fiato riverserò tutte le mie parole, quei pensieri che trascendono i sensi, che piuttosto occultano la verità lacerandoci in bugie che inventiamo per noi e per gli altri.
          Sorrisi di circostanza, frasi che inneggiano alla propria sopravvivenza per...
          [continua a leggere »]
          Composto sabato 12 marzo 2011
          Vota il racconto: Commenta