Questo sito contribuisce alla audience di

I migliori racconti di Esopo

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritto da: Elisabetta

Il cervo alla fonte e il leone

Capitolo: 102
Spinto dalla sete, un cervo se ne andò ad una fonte; bevve, poi rimase ad osservare la sua immagine riflessa nell'acqua. Delle corna, di cui ammirava la grandezza e il ricco disegno, si sentiva tutto orgoglioso, ma delle gambe non era soddisfatto, perché gli parevano scarne e fragili.
Mentre...
[continua a leggere »]
dal libro "Favole" di Esopo
Vota il racconto: Commenta
    Scritto da: Elisabetta

    La volpe e la cicogna

    La volpe e la cicogna erano buone amiche. Un tempo si vedevano spesso, e un giorno la volpe invitò a pranzo la cicogna; per farle uno scherzo, le servì della minestra in una scodella poco profonda: la volpe leccava facilmente, ma la cicogna riusciva soltanto a bagnare la punta del lungo becco e... [continua a leggere »]
    dal libro "Favole" di Esopo
    Vota il racconto: Commenta
      Scritto da: Elisabetta

      Il contadino, il figlio e l'asino

      Un vecchio faceva il cammino con il figlio giovinetto. Il padre e il figlio avevano un unico piccolo asinello: a turno venivano portati dall'asino ed alleviavano la fatica del percorso. Mentre il padre veniva portato e il figlio procedeva con i suoi piedi, i passanti li schernivano: "Ecco... [continua a leggere »]
      dal libro "Favole" di Esopo
      Vota il racconto: Commenta
        Scritto da: Edoardo Grimoldi

        Il pavone e la gru

        C'era una volta un pavone vanitosissimo. Si gloriava con tutti per le sue belle piume. Quando vedeva una pozzanghera, si fermava a guardare la sua immagine riflessa nell'acqua.
        "Guardate la mia coda" gracchiava. "Ammirate che colori meravigliosi hanno le mie piume. Come sono bello! Sono senz...
        [continua a leggere »]
        Vota il racconto: Commenta
          Scritto da: piumarossa70

          La gatta e Afrodite

          Una gatta che s'era innamorata d'un bel giovane pregò Afrodite di trasformarla in donna, e la dea, mossa a compassione dal suo amore, la cambiò in una bella ragazza.
          Così il giovane, vedendola, se ne invaghì e se la portò a casa.
          Ma mentre essi se ne stavano sdraiati nella loro camera nuziale...
          [continua a leggere »]
          Composto sabato 5 giugno 2010
          Vota il racconto: Commenta