Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Erika Baini

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Erika Baini

A Gabriele d'Annunzio

Cala la luna
ed è chiara e tonda
sonora come le vostre
laudi, penetrate e bagnate
dalla pioggia che cade tra
accordi pianistici in quel
letto di erba umida di caldo
umore notturno;

avida e imperniata di voglia
dolce di passione come i vostri
versi d'amore e gli intermezzi
così lussuriosi ma intramontabili
di piacere che se fossi stata vostra
non avrei lasciato tregua al tempo
ingannatore e fuggitivo, sui rossi
petali di rose adagiati sul letto.

Taci, dicevate piano a colei
che amavate, alla donna che
aveva forte e nobile nome:
la bellissima Eleonora.
E suoni di clavicembali
scendevano dal cielo toscano
posandosi sulle vostra ciglia
socchiuse da note di voluttà.

Oh voi, poeta, guerriero e amante
cinta d'ambrosia virginal purpurea
vi invoco al cospetto del vostro
teatro mentale dell'erotismo e
dirigo questi miei versi sull'ara
dove vi offro il mio piacere, dio
sublime dell'intenso viver carnale.
Composta giovedì 2 agosto 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Erika Baini
    Accarezzerei la tua anima
    tutta la notte, con la mia voce
    con le mie labbra
    col mio essere donna;
    abbandono l'ansia metafisica
    che mi fa disperare
    perché ora piango
    e tu non puoi vedermi
    perché tu piangi
    e io non posso consolarti;
    tu hai messo alle mie lacrime
    due ali invisibili
    e io ti vestirò di stelle
    fino a dove il nostro piacere
    si placherà.
    Composta lunedì 23 luglio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Erika Baini
      Tu mi parli in versi
      io ti rispondo in note,
      dieci tocchi al solstizio
      d'estate e suonano le
      campane della calda
      stagione.
      Ma ora si deve partire,
      è il momento del tramonto
      dorato e roseo là dove prende
      a sorridere una ridente fila
      di cabine.
      La strada mi tormenta
      ma ancor di più mi conforta
      dal momento che mi riporta
      dove io non provo più ansia.
      Composta venerdì 27 luglio 2012
      Vota la poesia: Commenta