Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Erika Baini

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Erika Baini
Milano bella, Milano grigia;
Milano piovosa, Milano triste;
Milano felice, Milano dalle
grandi braccia aperte;
Milano che consoli, Milano che
illumini coi tuoi grandi lampioni;
Milano che tuoni, Milano che lampi!
Milano che albeggi, Milano che tramonti
vestita di nuvole rosse e strisce gialle;
Milano d'autunno, Milano d'inverno,
Milano in primavera, Milano in estate;
Milano distesa su un letto di foglie,
Milano innevata e Milano in fiore,
Milano che sudi di calore;
Milano che ami, Milano che piangi;
Milano coi tuoi negozi, Milano con
le tue scuole e le camminate stanche;
Milano con le pozzanghere a specchi;
Milano con le brusche frenate dei tram
e le affollate fermate degli autobus.
Milano con la tua gente, Milano coi
tuoi sogni e le tue vere illusioni;
Milano con i tuoi volti e le tue braccia;
Milano con le tue mani e le tue gambe;
Milano, la mia città dei ricordi futuri.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Erika Baini
    Ah la felicità!
    Anguilla impazzita che
    guizza nervosa da un mare
    all'altro senza freno;
    scappa ed è sempre di fretta
    come la frenesia cittadina
    alle otto e mezza di mattina.
    Non si lascia assaporare a lungo
    ma solo un gusto veloce subito
    a ritroso lasciando nello stomaco
    un triste e salato boccone amaro.
    Se credi di esserti gettato a capofitto
    su di una via liscia e protettrice
    allora ti posso dire che tra poco
    troverai l'interruzione: preclusa
    perennemente per lavori in corso.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Erika Baini
      Il male di miele violento rimbomba
      sullo sterno. È una folle bomba.
      Mi inebrio di brividi di chitarre,
      echi di violino, note bizzarre.

      Oscuro mio cantore maledetto
      poeta, parole dentro al mio letto,
      mi porti dove non ci sono porte
      addolcisci questo sentiero di morte.

      Hai straziato il mio povero cuore
      lacerato di urla, trame di dolore,
      l'hai baciato e ci hai fatto l'amore.

      Amore, fai una metafisica danza.
      Sì, lei mi avvolge fino alla fine,
      godi, non fermarti, della mia forma
      e sostanza.
      Composta martedì 25 marzo 2014
      Vota la poesia: Commenta