Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie inserite da Enzo Di Maio

Questo utente ha inserito contributi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Enzo Di Maio

L'approccio

Che faccio, monto?
Bisogna vede dove, fjarella mia,
pe no strappo a casa monta,
nun ce sò problemi,

laddove pensi, invece, a n'antra cosa
bè, nun sarai mica scema?
Se c'avevi un ucello nel cervello
potevi ferma' qualche  pischello,
li si che trovavi robba dura.

A mè da mò che è crollato er palazzo
e co lui pure l'impalcatura.
Composta venerdì 4 febbraio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Di Maio

    A Civitavecchia manca Ulisse

    Civitavecchia è come Itaca,
    manca Ulisse.
    Commannino li proci
    e i signorotti de paese,
    nun c'è neppure da meraviasse,
    noi nun semo mai stati
    un popolo fiero e, ar nostrano
    avemo sempre preferito
    lo straniero.

    Er caso ha pure voluto
    che nun sé mai trovato
    quarcheduno che è venuto
    già magnato ma semo stati bravi
    a pià sempre quello più affamato.

    Javemo dato tutto,
    primo, secondo e frutta e,
    pe nun fasse criticà, pure er budino.
    Noi semo rimasti cor cerino.

    Hanno governato tanto bene
    che mo er mare è pieno de navi e ciminiere.
    Da figli der Dio tritone mo se trovamo
    schiavi der carbone.

    Er loro nun sé dimostrato proprio amore
    perché, cazzo cazzo, a qui se more.
    Povero popolo mio
    quanto sei fesso.
    Dovresti ogni matina
    lavatte la faccia dentro ar cesso.
    Composta lunedì 4 novembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio

      Il concerto di Baglioni

      E basta, m'hai convinto, vengo,
      smettela de insiste, a sta nenia nun se po' resiste.
      Nun posso di de nò a n'amica, credeme,
      ma pe mè sarà na gran fatica.

      Sò stanco, depresso e preoccupato...
      e nun stò a racconta balle,
      me rodeno le palle.

      Si lo so, te l'ho promesso
      ma a ste condfizioni nun se po annà
      a n'concerto de Baglioni.

      Quello t'ammollerà due o tre vorte
      Porta portese, tranquilla,
      jè chiederanno er bisse
      e io preferirebbe sentimme
      ducento messe.

      Annamo và, sennò famo pure tardi
      e li secondi sò beffardi,
      se se perdemo quarche brano,
      io te conosco, me fai magnà
      semolino un mese sano.

      E sarò pure depresso
      ma mica fesso.
      Pe n'piatto de lanzagna
      me sorbirò sta lagna.
      Composta domenica 3 novembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enzo Di Maio

        Domani er monno sarà tuo

        Beato te, fjarello mio,
        domani tutto questo sarà tuo!

        Beato a chi, a Sor Maè,
        me sà che ve sbaiate
        le feste sò passate,
        se mai ce so state.

        Qui nun c'è più un quattrino
        manco pe comprasse un bruscolino.
        E nun sò nemmemo er solo a lamentamme,
        guardateve attorno
        c'è tutto un popolo in mutanne.,

        Di Beati, Sor Maè.
        è pieno er calendario,
        quelli che stanno in terra
        lo sò solo de nome, e con fatica
        sbarcano er lunario...

        L'unico Beato vero di cui abbia notizia,
        sta laggiù, ar Verano,
        vedo sempre la tomba sua
        quando vado a trovà mi zia Letizia.

        Dev'esse stao proprio felice
        grazie a Dio.
        La fine sua la vorrebbe fà puro io.

        Sulla lapide c'hanno scritto:
        "Camminò sempre dritto pe na vita,
        l'unica vorta che cascò ne fù felice
        e morì senza fatica,
        Schioppò de botto mentre
        se trombava na gran fica.".
        Composta sabato 2 novembre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Enzo Di Maio

          Come un chiodo nel cemento (il primo bacio)

          Amico mio, nun te la pià,
          lo sò, te senti a pezzi
          ma è un prezzo che se paga
          ai sentimenti.
          L'amore non e' infinito
          e la passione, che te sembra eterna,
          brucia in fretta.
          È come na lanterna.
          Se poi se tratta der primo ardore,
          embè, li so cazzi,
          er core te se spezza in mille pezzi.
          Lo strazio dura a lungo, anzi,
          nun avrà mai fine.
          Avrai altre esperienze,
          te sposerai e verranno i fij,
          ma nel core porterai sempre un tormento.
          Il primo bacio è come un chiodo
          ed è piantato nel cemento.
          Composta giovedì 31 ottobre 2013
          Vota la poesia: Commenta