Questo sito contribuisce alla audience di
Scritta da: Andrea De Candia

Lettera alla mamma di un seminarista morto

Sono cresciuto in una terra strana
dopo che hai messo all'ombra la mia luce,
quasi non mossi piede dalla soglia
della mia meraviglia
per il dio nuovo cui tu m'opponevi.
In me cresceva il Dio dei miei domini
(ero ancora ragazzo)
ma tu mi hai rotto l'urlo ai vorticosi
margini della bocca,
l'urlo della potente giovinezza.
Mamma, io ti ringrazio
dalla rigida tomba entro cui siede
il mio pensiero finalmente puro.
Ora vedo che a forza mi hai strappato
il verde degli amari desideri,
mi hai edificato come l'architetto
sapiente che ritoglie chiari miti
dalle antiche macerie.

Nacqui umana rovina come tutti,
tu mi hai intessuta un'ala senza geli...
Vota la poesia:7.50 in 6 voti

    Commenti

    Invia il tuo commento
    Vota la frase:7.50 in 6 voti

    Disclaimer [leggi/nascondi]

    Guida alla scrittura dei commenti