Poesie di Totò (Antonio de Curtis)

Artista, nato martedì 15 febbraio 1898 a Napoli (Italia), morto sabato 15 aprile 1967 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Film come attore.

Scritta da: Lucia Galasso

'A 'mmasciata

Nu caro amico dice a n'ato amico:
- Pe mezza toja me songo appiccecato.
Tu vuò sapè cu cchi?
No, nun t' 'o ddico.
Statte tranquillo, l'aggio sistemato.
Afforza 'o vvuò sapè? E mo t' 'o ddico,
ma tu nun 'o cunusce, è n'imbecille.
Na vota s' 'a faceva int' a stu vico,
mo pare ca sta 'e casa a Via dei Mille.

Ch'ha ditto? Niente... L'aggio sistemato.
Mo nun s'azzarda cchiù a fà 'o fetente.
Ha ditto ca tu si nu disgraziato;
ma nun 'o dà importanza, è n'ommo 'e niente.

E ch'ato ha ditto? 'E solde nun se fanno
onestamente senza n'espediente,
si 'a ggente parla, ride, è pecché sanno
comme te l'he accattata 'a milleciento...

Che ssaccio, ca mugliereta ch'ha fatto,
ca tu te stive zitto, ire cuntento,
ca te 'mparaste pure a ffà 'o distratto
e doppo t'accattaste appartamento.

Sentenno sti parole, tu mme saje,
'o sango a parte a capa m'è sagliuto:
Che faccio? Accido a chisto... 'o passo 'o guaio...
Sentenno 'e di ca si pure curnuto,

nun ce aggio visto cchiù: l'aggio 'nchiantato
senza le dà nemmanco 'a bonasera.
Sta lezione se l'ha mmeretata,
'nfaccia a sti ccose io songo assaje severo!

Aprite ll'uocchie si n'amico vuosto
ve vene a raccuntà ca v'ha difeso
'a quacche malalengua: è stu cagliostro
ca isso stesso ve vò fà l'offesa.

E quante nce ne stanno 'e chiste amice
ca songo "cari amici"... e nun è overo.
Guardatele int' 'a ll'uocchie... sò felice
quanno fanno vedè ca sò sincere.

'A nonna mia, vicchiarella e saggia,
diceva sempe: - Nce sta 'o ditto antico:
Chi 'mmasciata te porta, vance adagio,
ca 'ngiuria te vò fà... e nun è amico. -
Totò (Antonio de Curtis)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Galasso

    Il dramma di Don Ciccio Caccavalle

    'O terzo piano, int' 'o palazzo mio,
    a pporta a mme sta 'e casa na famiglia,
    ggente per bene... timorata 'e Ddio:
    marito, moglie, 'o nonno e quatto figlie.
    'O capo 'e casa, 'On Ciccio Caccavalle,
    tene na putechella int' 'o Cavone:
    venne aucielle, scigne e pappavalle,
    ma sta sempe arretrato c' 'opesone.

    'E chisti tiempe 'a scigna chi s' 'a compra?!
    Venne ogni morte 'e papa n'auciello;
    o pappavallo è addiventato n'ombra,
    nun parla cchiù p' 'a famma, 'o puveriello!

    'A moglie 'e Caccavalle, Donn'Aminta,
    è una signora con le mani d'oro:
    mantene chella casa linda e pinta
    ca si 'a vedite è overo nu splendore.

    'O nonno, sittant'anne, malandato,
    sta segregato dint'a nu stanzino:
    'O pover'ommo sta sempe malato,
    tene 'e dulure, affanno e nun cammina.

    E che bbuò fà! Nce vonno 'e mmedicine,
    a fella 'e carne, 'o ppoco 'e muzzarella...
    Magnanno nce 'o vuò dà 'o bicchiere 'e vino
    e nu tuscano pe na fumatella?

    'A figlia, Donn'Aminta, notte e ghiuorno
    fa l'assistenza al caro genitore;
    trascura 'e figlie e nun se mette scuorno,
    e Don Ciccillo sta cu ll'uocchie 'a fora.

    Don Ciccio Caccavalle, quanno è 'a sera
    ca se ritira, sta sempe ammurbato
    pe vvia d' 'o nonno ('o pate d' 'a mugliera),
    e fa: - Che ddiece 'e guaio ch'aggio passato. -

    Fra medicine, miedece e salasse
    'o pover'ommo adda purtà sta croce.
    Gli affari vanno male, non s'incassa,
    e 'o viecchio nun è carne ca lle coce.

    E chesto è overo... 'On Ciccio sta nguaiato!
    Porta sul'issso 'o piso 'ncoppa 'e spalle;
    'o viecchio nun'è manco penzionato
    e s'è appuiato 'ncuollo a Caccavalle.

    'O viecchio no... nun vò senti raggione.
    Pretenne 'a fella 'e carne, 'a muzzarella...
    'A sera po', chello ca cchiù indispone:
    - Ciccì, mme l'he purtata 'a sfugliatella? -

    Don Ciccio vò convincere 'a mugliera,
    ca pure essendo 'a figlia, ragiunasse:
    - 'O vicchiariello soffre 'e sta manera...
    è meglio ca 'o Signore s' 'o chiammasse! -

    E infatti Caccavalle, ch'è credente,
    a San Gennaro nuosto ha fatt' 'o vuto:
    - Gennà, si 'o faje murì te porto argiento!...
    sta grazia me l'he fà... faccia 'ngialluta! -

    Ma Caccavalle tene n'attenuante,
    se vede ca nun naviga int' a ll'oro...
    Invece io saccio 'e ggente benestante
    che tene tant' 'e pile 'ncopp' 'o core!
    Totò (Antonio de Curtis)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Galasso

      Ma che dulore!

      State a sentì, ve voglio dì na cosa,
      ma nun m'aita chiammà po' scustumato;
      chello ca v'aggia dì è na quaccosa
      ca i' penso che vvuje ggià nn'ite parlato.
      Sta cusarella è ccosa ca sta a cuore
      a tuttequante nuje napulitane:
      sentennela 'e struppià, ma che dulore,
      p'arraggia 'e vvote me magnasse 'e mmane!

      Ma nun è proprio chisto l'argomento,
      si 'a 'nguaiano o no la povera canzone...
      Sanno parlà sultanto 'e tradimento!
      'A verità, stu fatto m'indispone.

      Na vota se cantava " 'O sole mio ",
      "Pusilleco... Surriento... Marechiaro",
      " 'O Vommero nce stà na tratturia "...
      "A purpe vanno a ppesca cu 'e llampare"...

      Chelli parole 'e sti canzone antiche,
      mettevano int' 'o core n'allerezza;
      chesti pparole 'e mo?... Che ffà... V' 'o ddico?
      Nun è pe criticà: sò na schifezza!

      "Torna cu mme... nun 'mporta chi t'ha avuta"
      " 'O ssaccio ca tu ggià staje 'mbraccio a n'ato"...
      "Stongo chiagnenno 'a che te ne si gghiuta"...
      "Che pozzo fà s'io songo 'nnammurato"...

      Mettimmece na pezza, amici cari,
      e nun cantammo cchiù: "Tu m'he traduto".
      Sentenno sti ccanzone, a mme me pare,
      'e sta' a sentì 'o lamiento d' 'e curnute!
      Totò (Antonio de Curtis)
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di