Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

è l'amore che è eterna giovinezza

È l'amore che dà
la giovinezza,
l'amore dà la forza,
e ti fa venir voglia di fare le cose;
l'more è lo spunto,
la vibrazione,
il bene che senti per
l'altra persona,
e ti sacrifichi sempre un po';
e ascolti,
parli,
e rinunci un po',
al tuo egoismo;
l'amore,
è la vita,
e dà giovinezza;
se si riesce a trovarlo.
Composta sabato 30 agosto 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    sete di te

    Mi aggiro,
    solo tra la gente,
    che non vede,
    che non capisce;
    il tempo non passa più,
    e non riesco ad ingannarlo,
    a fuggire via;
    tu sei lì,
    latente nel mio pensiero,
    sento la mancanza di te,
    qualunque cosa faccio,
    le ore sembrano cariatidi di gesso,
    che non si muovono più;
    niente mi soddisfa,
    niente mi placa,
    la mia sete sei tu,
    la mia forza,
    la speranza,
    e tu non ne sai niente,
    chissà dove sei.
    Composta venerdì 29 agosto 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Mistero

      Noi cerchiamo di farci capire,
      di emergere,
      di far sentire,
      la nostra pena interiore,
      il dolore di vivere,
      il nostro segreto;
      ma alla gente non interessa,
      non sa niente e non vede;
      noi cerchiamo di sfuggire alla solitudine;
      m a ci ritroviamo sempre soli,
      alla fine;
      ognuno è solo con se stesso,
      e il suo mistero.
      Composta martedì 26 agosto 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Per fortuna ci sei tu

        Amore,
        per fortuna ci sei tu,
        e questo mondo,
        mi sembra,
        un po' meno brutto,
        un po' meno schifoso;
        per fortuna ci sei tu,
        e tiro avanti con una speranza,
        tra facce estranee e nemiche;
        tiro avanti, perché ci sei,
        e mi dai forza,
        e mi fai ridere, ancora;
        per fortuna ci sei tu,
        a riempire i miei vuoti,
        la mia tristezza;
        nuvole che vanno via,
        qaundo tu ci sei.
        Composta mercoledì 20 agosto 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Stefano Medel

          Il mio cammino tra la gente

          Il mio cammino
          tra la gente,
          spesso solo fra tanti,
          in un mondo
          che privilegia
          solo i peggiori,
          dove i beceri, gli idioti,
          fanno strada,
          con una prevalenza del cretino,
          mentre ai buoni,
          spesso và male e sono soli;
          quanto squallore,
          bene e male,
          camminiamo in un mondo,
          dissociato.
          Facciamoci coraggio.
          Composta giovedì 14 agosto 2014
          Vota la poesia: Commenta