Scritta da: Stefano Medel

Le donne

Le donne,
amiche,
compagne,
amanti;
figure centrali,
insostituibili,
per la loro capacità
di amare,
di donare,
di capire;
dove saremmo,
senza le nostre madri,
le nostre donne,
nel lavoro,
nello svago,
e di solito,
sono sensibili,
e capiscono molto di noi;
ogni violenza,
sulle donne,
è terribile,
infausta e vergognosa;
donne grazie a loro,
tante cose,
sono possiibili.
Stefano Medel
Composta mercoledì 5 novembre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Giostra

    La vita è
    Una lotta contro
    La solitudine
    Quotidiana,
    che ci colpisce
    nei vari momenti della giornata;
    quando ci ritroviamo soli,
    dopo una partenza,
    dopo un addio,
    nel silenzio della casa,
    dentro un auto,
    in un posto,
    con un a faccia di chi sta
    lì per errore;
    la vita è una giostra continua,
    una pugna,
    contro la noia,
    il non saper che fare,
    dove andare;
    per questo,
    l'amicizia
    diventa importante;
    e si cerca di non stare soli.
    Stefano Medel
    Composta lunedì 3 novembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      2 novembre

      Giorno dei morti,
      silenzio della festa,
      si pensa,
      si ricorda;
      quiete nella città;
      via vai nei camposanti,
      tra crocicchi di gente,
      i vigili urbani che guardano,
      i becchini vestiti in ghingheri,
      fiori crisantemi,
      moccolotti e lumini;
      traffico del giorno dei morti;
      per ricordare,
      tra tanta nostalgia,
      e malinconia.
      Stefano Medel
      Composta domenica 2 novembre 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        È quasi l'alba, quasi

        È quasi l'alba,
        è quasi fine della notte,
        che se ne va,
        in punta di piedi,
        come una compagna discreta,
        che sparisce,
        quando non la vuoi più;
        silenzio ovattato,
        il ronzio del computer,
        spegne la quiete dormiente;
        domani è già adesso,
        domani,
        che sarà domani;
        poter sparire,
        e non fare niente;
        poter rimandare un po',
        ogni cosa,
        e perdere tempo,
        per pensare un po' a me,
        alla mia vita,
        il mio futuro;
        la notte va via,
        la notte,
        la notte.
        Stefano Medel
        Composta sabato 1 novembre 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di