Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

Gregge

Gregge,
sempre più la gente
sembra un gregge di pecore,
in preda e vittime
delle mode,
dei condizionamenti
dei luoghi comuni,
di tutte le stupidità;
e c'è razzismo e rifiuto
del diverso,
del differente,
di chi non la pensa
come noi;
società schizoide e
dissociata,
dalle molte facce
false e ipocrite,
e dietro il consumismo
e i beni materiali,
si nasconde violenza e degrado
morale e intellettuale.
Composta venerdì 14 novembre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    In mezzo a tanti

    Vita solitaria
    Tanta gente,
    ma è così,
    tutti affaccendati,
    tutti di fretta,
    nessuno ha tempo,
    nessuno scambia una parola;
    solo in mezzo a tanti,
    mondo distratto e indifferente;
    gente che non capisce,
    ognuno chiuso nella sua porta,
    coi suoi guai,
    la sua storia;
    ognuno diviso,
    ognuno per sé;
    com'è difficile trovare
    l'amicizia
    e un po' di calore umano.
    Composta martedì 11 novembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Strada 66

      Strada cittadina,
      vicino una scia di negozietti,
      emporio cinese,
      il ferramenta,
      un bar,
      il ristorante con qualcuno
      seduto fuori a bighellonare,
      facce di paese;
      via vai di macchine,
      camion e fornitori;
      sembra una strada americana,
      alla Kerouac,
      strada 66,
      come in California;
      polvere,
      odore di scappamento,
      la gente passeggia
      e vola,
      verso il proprio destino.
      Composta sabato 8 novembre 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Le donne

        Le donne,
        amiche,
        compagne,
        amanti;
        figure centrali,
        insostituibili,
        per la loro capacità
        di amare,
        di donare,
        di capire;
        dove saremmo,
        senza le nostre madri,
        le nostre donne,
        nel lavoro,
        nello svago,
        e di solito,
        sono sensibili,
        e capiscono molto di noi;
        ogni violenza,
        sulle donne,
        è terribile,
        infausta e vergognosa;
        donne grazie a loro,
        tante cose,
        sono possiibili.
        Composta mercoledì 5 novembre 2014
        Vota la poesia: Commenta