Scritta da: Stefano Medel

La forza della tua età

Non ti fermi mai,
sei sempre al galoppo,
come una puledra selvaggia;
sempre in moto, avanti e indietro,
pronta a gironzolare, a vagabondare;
io ti seguo come posso,
ma non sono di ferro e ho un età;
mi piace di più la tranquillità,
e prendermela con calma;
ma tu non aspetti,
tu vai, parti, sparisci,
e non dai notizie,
sei incorreggibile,
piena di voglia di vivere, della tua età;
ma la tua età non è la mia,
io vado piano, voglio respirare,
ma tu non te ne rendi conto.
Stefano Medel
Composta venerdì 7 agosto 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    I soldi non bastano mai

    I soldi non bastano mai,
    e coi soldi fai tutto,
    vai dappertutto,
    e i sogni diventano realtà,
    e ti compri ogni cosa,
    e tutto ha un prezzo;
    anche la felicità,
    anche l'amore;
    ogni cosa diventa possibile,
    se hai i soldi;
    e la povertà,
    è la cosa peggiore,
    in una società,
    basata solo sul possesso,
    e sul potere economico,
    lo schifo della nostra società,
    il suo lato peggiore.
    Stefano Medel
    Composta domenica 2 agosto 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Io, il poeta

      Eh sono qui,
      quello fatto così,
      quello difficile da perdere,
      che non va bene,
      sono qui,
      con le mie idee,
      la mia ribellione,
      il mio dire no,
      all'imbecillità imperante,
      al conformismo,
      ai luoghi comuni,
      alla prevalenza del cretino
      e del peggiore;
      eccomi qua,
      da legare, da guardare, da buttare;
      io
      un poeta,
      un artista,
      diverso,
      differente,
      stufo di questa società,
      di questo paese fetente;
      un po' pensatore,
      un po' strano;
      eccomi qua,
      ci sono,
      e non rinuncio,
      non me ne vado.
      Stefano Medel
      Composta mercoledì 29 luglio 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Vecchio

        Sì lo so,
        lo so che io ho un età,
        che sono vecchiotto,
        lo so,
        lo so;
        e non sono fresco e giovane,
        come te,
        come lui;
        coi miei disturbi,
        i miei sì,
        i miei no;
        ma anche se sono vecchio,
        posso ancora amare,
        sentire,
        provare sentimento,
        sentire emozioni,
        e provarle,
        posso ancora dare e ricevere;
        anche se sono vecchio,
        vecchio;
        lo capisci questo,
        lo capisci.
        Stefano Medel
        Composta domenica 26 luglio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di