Scritta da: Stefano Medel

Il mare d'autunno

Il mare d'autunno
è un qualcosa sospeso
tra due stagioni,
una transizione tra estate
e autunno,
il mare d'autunno,
le giornate più corte,
le prime foglie per terra,
e il mare con le correnti,
e il vento,
tanti villeggianti sono rientrati,
chi parte,
chi arriva,
chi finisce la goduria,
chi incomincia la feria.
Ultimo spasso,
ultimo divertimento,
ultimo appello,
poi il locale chiude.
La stagione va,
e un anno passa.
Stefano Medel
Composta mercoledì 14 settembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    E intanto il tempo se ne va

    E intanto il tempo se ne va
    e non siamo più tanto giovani,
    il tempo passa e noi non ci pensiamo,
    ma intanto, se ne va il nostro tempo,
    e diventiamo tutti storia vissuta;
    e intanto il tempo se ne va,
    tra grane e preoccupazioni,
    e tu stai con me, per fortuna,
    ma a volte il mio dolore,
    neanche tu lo capisci,
    i miei anni,
    e i mali,
    che tu non hai di certo,
    alla tua età;
    il tempo se ne va,
    senza requie,
    ed io vorrei solo amarti in pace,
    negli anni che restano,
    lontano da questo mondo fetente,
    da certa gente squallida,
    e il tempo se ne va,
    insieme a te.
    Stefano Medel
    Composta mercoledì 14 settembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Borghesi scarafaggi

      Purtroppo ci tocca vivere
      con della gentaccia di basso livello,
      tutta la vita studiamo a scuola,
      ma poi,
      per le strade,
      è pieno di burini senza cultura,
      ignoranti,
      incolti,
      e il livello standard italiano
      è raso terra,
      ci dobbiamo confrontare ogni giorno,
      con piccolo borghesi e paesani
      bifolchi e con poco cervello,
      che odiano la libertà
      e le differenze altrui,
      più che non la propria schiavitù,
      e il fango in cui vivono,
      e invece di fare qualcosa per vivere meglio,
      vogliono vedere solo anche gli altri nella bratta come loro,
      e ridotti a degli zeri come loro.
      La gente non è un sicuro bene, e la solitudine,
      non è un sicuro male.
      Se questa è la società,
      non vale la pena di viverci.
      Stefano Medel
      Composta martedì 13 settembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Ci sei tu, grazie

        Ci sei tu con me
        grazie, ci sei tu vicino a me,
        grazie,
        mi fai compagnia,
        mi fai coraggio,
        col tuo sorriso,
        le tue parole,
        il tuo cercarmi,
        le telefonate;
        mi fai coraggio,
        in questo mondo fetente,
        di bastardi senza cervello,
        che danno fiato alla bocca,
        e ti urlano alal schiena,
        grazie che sei con me,
        mi hai visto,
        mi hai trovato,
        ci siamo trovati,
        in mezzo a questo mondo di schifo.
        Stefano Medel
        Composta lunedì 12 settembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Stefano Medel

          Vicino a te, come sempre

          Vicino a te sino alla fine
          quanto tempo,
          gli anni volano,
          il tempo corre come un film accelerato,
          ma noi siamo ancora qui,
          noi due insieme, io e te,
          come sempre,
          come la prima volta;
          e quaasi non ci speravo più,
          e poi sei arrivata tu,
          e tutto è cambiato;
          e siamo ancora qua,
          e ti voglio bene, come è più di prima,
          e ti sono stato sempre vicino,
          nel bene e nel male,
          nel divertimento e nei guai,
          tra alti e bassi,
          e a volte discutiamo,
          ma ci volgiamo sempre bene,
          sino alla fine.
          Stefano Medel
          Composta domenica 11 settembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di