Scritta da: Stefano Medel

La vita in fondo

La vita in fondo, cosa è;
una favola breve,
una storia corta d'appendice;
dove c'è poco tempo per fare,
e il tempo sfugge tra le dita,
e ti ritrovi d'improvviso,
vecchio e canuto,
e non te l'aspettavi,
non ci pensavi;
e l'uomo crede di essere il protagonista;
ma non è che un povero pagliaccio triste,
che si sbraccia e gesticola,
e poi cala il silenzio;
vita che passa in fretta.
Stefano Medel
Composta martedì 21 maggio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Se fossi pittore

    Se riuscissi,
    come un pittore dipingerei
    il mio amore;
    con il verde farei un enorme prato,
    dove fosse sempre primavera, così da stare in allegria,
    e la tristezza se ne fuggisse via;
    se fossi pittore,
    ridipingerei la città,
    per cancellare il brutto e il grigio,
    lo squallore,
    e il cemento;
    tanti disegni farei
    e murales grandi come case;
    per rendere
    la città più accogliente,
    e ci fosse più umanità.
    Stefano Medel
    Composta martedì 21 maggio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Amica mia

      Amica mia,
      piove e sei lontana;
      le gocce vengono giù con forza,
      come lacrime cristalline;
      come le lacrime dentro di me,
      perché tu non mi stai a sentire;
      perché tu giri sempre, e vai;
      e non ti curi troppo di me;
      e mi lasci da solo,
      in balia delle mie solite solitudini;
      il tempo passa lento,
      sui vetri dove le gocce piovane corrono giù;
      e tu, dove sei tu;
      fumi o passeggi,
      o senti musica;
      e che spazio,
      c'è per me,
      nella tua vita;
      non lo so,
      fermati,
      fermati.
      Stefano Medel
      Composta domenica 19 maggio 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di