Poesie di Stefano Benni

Scrittore, umorista, giornalista, sceneggiatore, poeta e drammaturgo, nato martedì 12 agosto 1947 a Bologna (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Zap

1980

Superstiti, salvi, scampati
poi magari disperati sbattere per terra
i vestiti vecchi della delusione
e piangere e chiedere giustizia
Ma una morte anche lontana
segna sempre un po' la vostra faccia
sgomenta l'indifferenza
chiusi dentro le macchine, assediati
nelle città, nelle case
obbedienti agli schermi parlanti
tutti una volta pensate
che possa essere lo stesso destino
che siamo la stessa razza di animali
che conta gli anni in milioni
che sta impaurita in mezzo al cielo
e ascolta ogni ala che batte
e i grilli che vegliano i morti.
Stefano Benni
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gabriella Stigliano

    Non disprezzare il poco

    Non disprezzare il poco, il meno, il non abbastanza
    L'umile, il non visto, il fioco, il silenzioso
    Perché quando saranno passati amori e battaglie
    Nell'ultimo camminare, nella spoglia stanza

    Non resteranno il fuoco e il sublime, il trionfo e la fanfara
    Ma braci, un sorso d'acqua, una parola sussurrata, una nota
    Il poco, il meno il non abbastanza.
    Stefano Benni
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      Non disprezzare il poco

      Non disprezzare il poco, il meno, il non abbastanza
      L'umile, il non visto, il fioco, il silenzioso
      Perché quando saranno passati amori e battaglie
      Nell'ultimo camminare, nella spoglia stanza
      Non resteranno il fuoco e il sublime, il trionfo e la fanfara
      Ma braci, un sorso d'acqua, una parola sussurrata, una nota
      Il poco, il meno il non abbastanza.
      Stefano Benni
      Composta martedì 8 maggio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        I due leader

        Cacciari: il fascismo è lontano
        Occhetto: il fascismo è vicino
        Cacciari: ma dove lo vedi?
        Occhetto: là, sul falsopiano
        Cacciari: ma è solo un puntino
        Occhetto: ma è enorme, sciocchino
        Cacciari: è una nuvola bassa
        Occhetto: è una squadraccia
        Scusate se interrompo la conversazione
        disse il capo del plotone d'esecuzione.
        Stefano Benni
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di