Questo sito contribuisce alla audience di

Come il tempo

La pioggia che lenta cade
come capelli in autunno
le foglie che abbandonano gli alberi
e volano nel vento,
così i miei spiriti
si staccano dalla mente
e si perdono nel tempo.
E poi il gelo
come una voragine nel petto
e dentro mi riporta
sino a perdere ogni odore.
Voglia di tremare.
Io ti vedo
tra sabbia calda sui miei piedi,
e il buon odore della brezza di mare
sei entrato
dentro come una stagione
e sei fuggito
come un feroce temporale
mentre pregavo
non mi allontanassi mai.
Mi hai lasciato
ragnatele sugli occhi
lanciato
sassi sul cuore.
Con il tempo
la mente satura di obbrobri
rinascerà
in una paradisiaca stagione
estranea ai chi quel tempo
mi abbandonò nella foresta oscura
e mai più conoscerà
i suoi frutti e le sue sfumature.
Perché le stagioni buone
nascono dall'alternarsi
di buio e luce,
freddo e calore,
e solo cosi
nasceranno gemme di amore
da stringere fra le mani
nell'ora del terrore.
Vota la poesia: Commenta

    Sogno di carta

    C'era una volta
    una ragazza innamorata dell'amore
    che vide il suo cuore illuminarsi
    in un distratto giorno
    Quando stringendo nella mano un vecchio foglio
    incrociò lo sguardo di un ragazzo.
    il suo sguardo conobbe il suo
    e si sentì volare.
    Rimaneva a fissare il cielo
    Per veder arrivare la sera
    ed assaporare la serenità.
    Per lei,
    Era un cavaliere
    distratto un po maledetto
    uscito da un sogno
    Disegnato su un pezzo di carta
    In anni puerili.
    Le bastava ascoltare
    la sua voce vibrante nel petto
    Per inseguire una stella
    Dalla terra all universo.
    Lei le donava
    Piaceri sottili
    E parole dipinte di amore.
    Poi un giorno arrivò il temporale
    e un fulmine squarciò il cuore della ragazza.
    Senza amore,
    il cavaliere si perse nel vuoto
    e la pioggia ridusse
    quella favola di carta
    in grigio fango.
    Vota la poesia: Commenta

      Quando mi basterà essere con me

      Sarà come benedire
      la mia pelle,
      la mia mente,
      la mia anima.
      E osservare
      Allora tutto parrà più vero
      e non fisserò l'orizzonte
      guarderò oltre...
      perché saprò credere ai miei occhi.
      E quando il terreno sarà pieno di passi
      io imparerò a volare.
      Dalla mia schiena sbocceranno
      ali di consapevolezza
      e allora
      il cielo
      sarà la mia grande porta.
      Vota la poesia: Commenta

        vittima

        Mi sveglio in lacrime da una lunga notte
        Cosa ero per te?
        Cosa ne facevi delle parole?
        È quasi impossibile
        eppure adesso mi parla la realtà
        Quella solitudine nera
        Quella tristezza cieca
        Quel freddo polare
        Tutto conduce a te.
        Avevo solo un po di petali bianchi sporchi di fango
        avevo solo dei tagli sulle ginocchia
        quando in silenzio cadevo per te.
        E tu dove eri?
        Con chi eri a ridere della mia ingenuità?
        Cosa ne facevi delle mie carezze?
        Dove hai lasciato il mio cuore?
        Ho amato col sangue una maschera
        di un uomo che non vuole ancora crescere
        perché teme il suo destino.
        Perché a te ho donato le stagioni più fragili
        Perché a te ho rivelato i miei sogni...
        Tu eri analfabeta d'amore
        ed io ti ho insegnato a leggere i sentimenti più veri
        lasciandoti questo come regalo più nobile
        senza rancore.
        E tu mi hai svegliata da un incubo senza un bacio d'addio.
        Vota la poesia: Commenta

          Sweet Chestnut

          Quando dico che ti amo
          Per favore
          chiuditi le orecchie
          e guardare da un'altra parte,
          così non udirai
          ogni singola parola che dico
          e non mi verrai mai incontro.
          Quando dico che ho bisogno di un abbraccio
          vai lontano
          e lasciami sola nella buia caverna del cuore.

          Sono stanca
          la mia anima urla isterica
          verso persone che non capiranno mai.
          Le parole ingarbugliano
          e i gesti separano...
          sono al buio nella caverna
          vuota ma cosi piena di fobie
          ho solo oscurità attorno a me.

          Non ti ricorderai mai di me
          perché sono io che cado
          mentre corro dietro di te.

          Sto cercando uno varco
          che mi porti al cielo
          che possa investire i miei occhi
          di un arcobaleno di luce.
          Sto cercando un fiore
          che profumi
          e che baci il mio dolore.
          Vota la poesia: Commenta