Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Saverio Ferrara

IMPIEGATO TELECOM IN PENSIONE, nato martedì 20 luglio 1954 a ROCCARAINOLA (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: SAVERIO FERRARA

L'uomo e il cardellino

L'uomo e il cardellino

Il ruscello scorre
mormorando tra i ciottoli.

C'è una profonda quiete...

Solo un cinguettio di uccelli
accompagna quel suono.

Uno sparo riecheggia nell'aria...

Poi tutto tace...

Il cacciatore esce dalla macchia,
si avvicina al rivolo e si ferma
a guardare in un punto
appena bagnato dall'acqua.

Là un cardellino giace immobile.

Il sangue sul suo petto
si mimetizza con il color delle sue piume
e si disperde tra i sassi umidi.

Con gli occhietti fissi
verso l'infinito,
il minuscolo becco stringe
ancora un vermiciattolo.

Doveva essere il cibo
serale delle sue creature...

Il cacciatore si allontana
con aria soddisfatta.

Perché l'uomo deve essere
così crudele verso l'universo
e molto spesso con il proprio simile?

Ci meravigliamo se la natura
si prende la sua rivincita?...
o Qualcuno ci fa soffrire?...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: SAVERIO FERRARA

    Giochi della mente

    Giochi della mente

    Mente mia cosa fai?
    Stai sdoppiando il mio io!

    Presente o passato?
    Esiste un passato?

    Non so.

    Quel che vedo,
    quello che penso
    già vive nella mia mente
    come annebbiato dal tempo.

    Più nitide si sovrappongono
    le immagini del presente.

    Come un gioco del caso,
    noto che le mie azioni
    corrispondono esattamente
    a quelle svolte da un'altra parte di me...

    Sono pochi momenti...

    Gli eventi si proiettano nella mia mente
    come diapositive rubate
    ad un passato inesistente...

    Eppure, in quei momenti,
    già conosco le sequenze
    e resto in attesa del finale...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: SAVERIO FERRARA

      Tempesta nella notte

      Tempesta nella notte

      Forti boati mi fanno sobbalzare dal letto.
      Bagliori e tuoni dietro le colline
      sono i segnali di un temporale in arrivo.

      Flash di filamenti incandescenti
      attraversano il cielo,
      nubi grigie ovattate si illuminano....
      e poi... ancora boati...

      Uno scroscio sempre più crescente
      si avvicina rapidamente.
      Si è interrotta la tranquillità della notte.

      Uccelli sfidano la tempesta
      in cerca di un rifugio più sicuro.
      Un coro di cani impauriti si fanno compagnia.
      Piange a lungo il bimbo del vicino.

      In un'altra parte del mondo
      si sta consumando una tragedia:
      un palazzo crolla e fa le sue vittime.

      Due cuori si ritrovano in un abbraccio eterno:
      continueranno ad amarsi in un'altra vita...

      Orsù, forza!

      Il destino non è sempre così crudele...
      Dalle macerie un filo di voce:
      è una ragazzina che chiede di vivere....

      Il miracolo si realizza...
      Benvenuta!
      Benvenuta alla nuova luce.
      Benvenuta alla nuova vita...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: SAVERIO FERRARA

        Sogno di un bambino

        Leggeri onde lambiscono la sabbia
        di questo angolo di spiaggia.
        Le acque bagnano, si ritraggono e poi ritornano;
        piccole colline si imprimono e poi si cancellano...

        Al sole tiepido del mattino,
        gioca con la sabbia un bambino.

        Come un piccolo principino, sogna la sua reggia.
        Un castello con tanti torrioni,
        un fossato ed al centro, un ponte levatoio...

        Gaio e spensierato verso riva corre,
        e non si accorge del tempo che trascorre.
        Raccoglie acqua col secchiello e da vero artista
        sagoma e compone le forme sognate alla sua vista.

        Stanco, guarda soddisfatto la sua opera.
        Le onde si avvicinano ed invadono il fossato.

        Un'onda più forte disintegra la struttura
        e trascinandola via con sé, il mare la cattura.

        Il bimbo scoppia in un pianto disperato.

        Una mano accorre prontamente
        ed asciuga le lacrime sulle sue gote calde.

        Vieni, non piangere amor mio,
        nulla è perduto, ti aiuto io.

        Un giorno capirai che era solo un sogno,
        era solo sabbia...

        Quando accade nella realtà,
        forse, non si può nemmeno piangere...
        Vota la poesia: Commenta