Scritta da: orange

L'albero

Albero piegato dal vento
freddo arrogante maestrale
le fronde rivolte al sole
nascondono teneri amanti
distesi a violare tramonti

l'ombra ristora il pastore
il viso scolpito dal sole
seduto sulle radici padrone
di monti e orizzonti

Albero del monte selvaggio
ritrovo di amici e briganti
custode di antichi segreti
tenuti tra i rami e le foglie.
Sandra Cadeddu
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: orange

    Le scarpe rosse

    Ho comprato le scarpe rosse... un bel rosso
    rosso vermiglio
    odoran di pelle appena conciata
    le guardo di lato... il tacco sottile... perfette!
    Le portero "a passeggiare in città"
    accendo d "invidia il marciapiede
    grigio e noioso
    lascio le tracce d'un rosso vivo
    e se... il sole offendo? Potrebbe sbiadire il rosso
    vermiglio... lasciandolo spento... per carita"
    le metto al sicuro dentro un sacchetto
    di tela scura!
    No... ho deciso... le porto la sera
    la luna è stanca... distratta
    le portero "a ballare un valzer veloce
    le faccio volare... volare... volare...
    più in alto
    e spero che nessun piede maldestro
    ferisca le scarpe... rosso vermiglio.
    Sandra Cadeddu
    Composta giovedì 10 aprile 2008
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di