Poesie di Salvatore Orefice

Nato martedì 16 febbraio 1960 a Sessa Aurunca (Ce)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Salvatore Orefice
Osservando l'onde del mare
infrangersi  sugli scogli,
mi sorprendo coi pensieri miei
sempre più simili a uccelli
che  han perso l'orientamento
lungo il percorso del volo.  

Nelle acque sue profonde
inseguo fantasmi di ieri,
avversioni di giorni andati.
Cerco invano soluzioni inutili
a problemi ormai risolti,
rinvangando vecchie questioni
e rancori di già placati.

Torno a contemplare i flutti
di questo stupendo mare
Che non smetterò d'ammirare.
Salvatore Orefice
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Orefice

    U furn (poesia in dialetto del mio piccolissimo paese in provincia di Caserta)

    Che begli tiempi
    Quann'eru vaglione,
    me ricord'à mammà
    che me riceva:
    "vamm'à fà ru munnariegliu"
    e allora iu currevo,
    pecché già sapevo
    che me reva ca'ccosa,
    mammà steva a fà
    ru furn'e pane
    e'nfurnava pur
    a pizza cà pummarola
    e ru calascione cà scarola.
    (Ru munnarieglio serviva
    Pè pulizzà ru suol'e furnu)
    Che addore che se sentiva
    Pè tuttu u vicinato
    e quannu sfurnava
    a pizza sapurita
    s'avvicinavanu
    tutti quanti a mangià,
    cumm'à nà sola famiglia.
    Salvatore Orefice
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Orefice

      Il fremito del mare

      Disteso su miriadi
      di minuscoli granelli
      ascolto il mare.

      Osservo il suo
      continuo movimento,
      che s'alterna
      al groviglio confuso
      dei pensieri miei.

      Alle spalle la città
      è già dimenticata,
      voglio restare solo
      con l'infinito
      fremito del mare.

      Lasciatemi in esso
      ritrovar la voglia,
      e di sentirmi ancora
      parte pulsante
      dell'universo.
      Salvatore Orefice
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di