Scritta da: Silvana Stremiz

Era de maggio

Era de maggio e te cadeano 'nzino
a schiocche a schiocche li ccerase rosse...
Fresca era ll'aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciente passe.

Era de maggio — io, no, nun me scordo —
na canzona cantàvamo a ddoje voce:
cchiù tiempo passa e cchiù me n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce.

E diceva. "Core, core!
core mio, luntano vaje;
tu me lasse e io conto ll'ore,
chi sa quanno turnarraje! "

Rispunnev'io: "Turnarraggio
quanno tornano li rrose,
si stu sciore torna a maggio
pure a maggio io stonco cca".

E sò turnato, e mo, comm'a na vota,
cantammo nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma ammore vero, no, nun vota vico.

De te, bellezza mia, m'annamuraje,
si t'allicuorde, nnanze a la funtana:
l'acqua Ilà dinto nun se secca maje.
e ferita d'ammore nun se sana.

Nun se sana; ca sanata
si se fosse, gioia mia,
mmiezo a st'aria mbarzamata
a guardare io nun starria!

E te dico — Core, core!
core mio, turnato io sò:
torna maggio e torna ammore,
fa de me chello che buò!
Salvatore Di Giacomo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marilù Rossi

    Nuttata 'e Natale

    Dint'a na grotta scura
    Dormeno 'e zampugnare:
    dormeno, appese a 'e mura,
    e ronfeno, 'e zampogne
    quase abbuffate ancora
    'a ll'urdema nuvena;
    e, ghianca, accumparesce e saglie ncielo,
    dint'a chiara nuttata, 'a luna chiena.

    Dormeno: a mezzanotte
    Cchiù de n'ora ce manca;
    e se sparano botte,
    s'appicceno bengala,
    e se canta e se sona
    per tutto 'o vicenato…
    Ma 'o Bammeniello nun è nato ancora,
    e nun s'è apierto ancora 'o Viscuvato.

    Fora, doppo magnato,
    esce nfucata, 'a gente:
    ccà d'o viento gelato,
    p'e fierre d'a cancella,
    trase 'a furia ogne tanto…

    E c'o viento, e c'o friddo,
    ncopp'a paglia pugnente, a ppare a ppare,
    dormeno, stracque strutte, e zampugnare.
    Salvatore Di Giacomo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di