Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Sabrina Bertocchi

Libero professionista, nato martedì 17 febbraio 1970 a Milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: piumarossa70

Scale da scrivere

Nello zampettare di un merlo
oggi
ho acellerato la mia fantasia
nel volo alto di una
chiacchierona cornacchia
ho spezzato tristi pensieri,
un piccolo pezzo di cioccolato nero
da condividere con una coppia di
piccioni dal collo viola,
una sigaretta lenta
per osservare rami
tratteggiati di verde appena nato,
le punte dei miei stivali
come frecce segnaletiche
ad indicare un ciuffo di viole
dove l'indaco prende potere,
e pensieri rossi
a circondarmi la mente
di domande e risposte senza fatica,
e le mani per dirmi
che sentono e toccano
chiavi
già mie, di una porta già aperta
dove l'atrio che si intravede
è di un pavimento lucido
e scale da salire bianche
da scrivere...
e io mentre rientro
per la mia via
osservo tram di poche persone,
un altra sigaretta
più veloce,
un tappeto amaranto
sente i miei tacchi prima di
fare rumore nella
mia porta,
apro
sono a casa,
è domenica, è nuvolo, forse pioverà...
e ripenso all'atrio
alle scale bianche...
e i rossi pensieri
sono veri!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: piumarossa70
    Le prime farfalle di marzo
    oggi le ho viste.
    Ombre alla rinfusa
    sulle pagine di un libro aperto
    un libro che parla a chi
    vorrà parlare senza forse usare suoni,
    volavano a due, nere e rosse nelle ali,
    forse giocavano ad amarsi,
    forse giocavano con un sole che come loro è
    ancora fragile...
    il libro nelle mie mani e gli occhi in quel volo,
    le mie gambe nell'erba e marzo
    che porta note di vento trasparente...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: piumarossa70
      Quando arrivi al punto in cui
      non credi più a niente...
      fermati! Siediti un attimo e guardati attorno...
      prendi le tue mani e
      sentile mentre le passi sul tuo viso...
      forse piangerai
      forse urlerai e griderai chiedendo un perché...
      forse respingerai una mano amica
      forse tu per primo ti dirai che hai sbagliato tutto
      e forse passeranno giorni ed
      intere notti di un vuoto immenso
      arriverai forse a non vedere nessun colore
      e arriverai a chiedere e a provare
      di essere diverso da ciò che sei sempre stato...
      ma fermati!
      Sentirai pian piano la voglia di muovere
      un primo passo su
      una strada che nemmeno pensavi esistesse
      avrai paura...
      camminerai e spesso ti fermerai,
      ritornerai su i tuoi passi con mille domande
      senza la risposta di nessuno,
      ma cammina!
      Si cammina!
      Non te ne renderai conto subito,
      eppure ti accorgerai di percorrere una strada nuova
      e nello stesso momento di
      attraversare proprio ciò
      che ti aveva portato a non credere
      più a niente!
      Ci sono ponti sospesi tra profondi precepizi,
      e c'è un cielo che a volte ci
      sembra troppo lontano
      eppure tutto si può attraversare e tutto
      è più intorno e dentro di noi più di quello
      che noi stessi possiamo sentire e abbracciare.
      Vota la poesia: Commenta