Scritta da: Rosita Matera
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosita Matera
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rosita Matera

      In prima pagina

      D'un tratto,
      sentieri
      s'aprono a schiere
      e prepotenti colorano l'aria,
      facendo promesse di liete corolle,
      parlando animosi coi giorni a venire.

      "D'un botto, oggi è scoppiata la pace!"
      Scrivono i fiori in prima pagina.

      Stamane,
      non ci crederete,
      ha bussato ad un vetro della finestra sospesa,
      un ramo di pesco, ormai troppo cresciuto
      che voleva giocare col raggio di sole,
      e con la mia mano, che trema ancora
      per il verso scivolato da quei petali rosa...
      e tra le parole, volando s'intrecciano, ad acquerelli dipinti nel cielo.
      Rosita Matera
      Composta venerdì 12 marzo 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rosita Matera

        Ladra del mio tempo

        Col nastro del Pensiero
        io catturo ciò che sono
        per sentieri di campagna
        che s'aprono a ventaglio.

        Fra i rumori della vita,
        osservo tra le rose
        le pieghe del mistero,
        prospettive del mio tempo.

        Raccolgo fra le mani l'essenza d'un bagliore
        e rubo con un balzo un frammento di Bellezza.
        E sono ladra,
        ladra del mio tempo
        ... racconto di nascosto
        sotto gli angoli riposti
        delle pagine dei libri,
        tutto il tempo e meraviglie
        che io ascolto dalla Voce
        del narrante che mi detta
        la beltà che si nasconde
        sotto il volto e nelle cose
        della quotidianità.
        Rosita Matera
        Composta mercoledì 3 febbraio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Rosita Matera

          Arlecchino si colora

          Nel cuore del mattino
          batte un sole che s'accende,
          d'improvviso
          fiamma ardente di colori.

          S'imbeve nell'aurora
          bagna il viso di splendore

          il polso già gli freme,
          nuove scene ha da riempire
          con pennellate e luce,
          col vento spettina il fogliame.

          Sul cuscino vi è l'impronta
          di Speranza che si desta
          e racchiude nella mano
          una pioggia di scintille...

          le ha raccolto dalle stelle
          che promettono sorrisi,
          io li leggo e li riporto
          nel disegno di domani,
          linee rette e linee curve
          tra le attese, sul foglio bianco...
          arlecchino si colora,
          prende vita il nuovo anno.
          Rosita Matera
          Composta sabato 2 gennaio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di