Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: alelhì

Ad una stella

Muoiono le stelle sulla terra
per rinascere in cielo
felici di volare e vivere
splendenti
di luce pura
tu sei morta qui
mia stella amica
ma il tuo sorriso
lassù illumina il cielo
così come faceva quaggiù, con noi
quando, seppur dilaniata dal dolore,
ci regalavi la tua luce
la tua anima non ha conosciuto mai l'ombra
persino nel momento più buio.
Vivrai in eterno, stella mia,
nella gioia con cui hai inondato il mondo.
E sempre vivrai
nell'amore di coloro che hai amato
riamata.
Composta sabato 21 novembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: alelhì

    Mi manchi

    Mi manchi:
    è difficile ammetterlo anche a me stessa
    ma mi manchi.
    Mi manchi dalla testa ai piedi.
    Mi manchi nel corpo
    mutilato delle tue parti migliori.
    Mi manchi negli occhi vuoti
    di te e di lacrime.
    Mi manchi nelle orecchie silenziose
    della musica della tua voce.
    Mi manchi nella pelle priva
    del tuo velluto delicato.
    Mi manchi nelle narici piene
    della ricerca vana del tuo profumo.
    Mi manchi nella bocca e nella lingua
    costrette a ricordare solo sapori del passato.
    Mi manchi nella mente
    che si nutre di te nella sua ossessione.
    Mi manchi nel cuore,
    rimasto solo a battere.
    Mi manchi
    dall'alba al tramonto
    e ancor di più
    mi manchi nel buio della notte
    che fa paura.
    Mi manchi
    nel freddo della solitudine quotidiana
    e nel fuoco del ricordo del quasi mai.
    Mi manchi
    Eppure della tua assente essenza
    dovrò fare ragione di vita.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: alelhì

      Solo amore

      Se sentissi il fuoco bruciarmi forte dentro
      allora capirei d'essere ancora viva
      ma il calore è solo ombra di scintilla
      lontano, freddo e fumoso ricordo.
      Se sentissi il mare inondarmi silenzioso
      allora capirei d'essere terra in attesa
      ma il vento ha scompigliato tutte le onde
      e l'uragano ha distrutto tutti i porti.
      Se sentissi la primavera risvegliarmi i sensi
      aprirei gli occhi e ne godrei gridando
      ma è un piacere della vita che non posso più provare
      perché l'inverno ha gelato le mie porte.
      Se solo sentissi quella voce
      tanto potente da sovrastare il gran silenzio
      con un soffio ed un sorriso seducente
      mi riprenderei ciò che un tempo è stato solo mio.
      Se l'esistenza ritornasse indietro
      e di tante vite mi donasse la migliore
      sono sicura che non sarei più sola
      circondata dalla forza dell'amore.
      Vota la poesia: Commenta