Scritta da: Roberta Canu

Infanzia

Ed ora ricordo,
di lunghi sguardi aldilà
della siepe fiorita,
dove portava
quella polverosa strada?
Da fanciulli si sorride
con le lacrime solcanti
i nostri rosei visi,
seppur i lividi
adornano vittoriosi
i nostri tenui gambi.
Rimpiango,
varcando la siepe
dell'odore dei prati,
salutando mestamente
da una nave in partenza.
Io ti lascio qui,
mia dolce infanzia.
Roberta Canu
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: DarkPassionPlay*

    Prima notte

    Ed ora risiedo stremata accanto a te
    per cogliere il muto cantico del piacere
    che dai tuoi occhi filtra come fosse
    un lungo sospiro, un dolce ringraziamento,
    mentre il mattino varcava i lontani orizzonti.
    T'osservo come una fiera cacciatrice ammira
    la sua deliziosa preda: le braccia stanche,
    un velo di voluttà, tutto ornava la tua bellezza.
    Troppo breve mi è parsa questa notte,
    durata tanto quanto la scia di un astro cadente!
    Se potessi ritornare al preludio dell'ardente volo,
    al crepuscolo dove innocenza e malizia sbiadiscono
    divenendo così un colore ed un'essenza sola!
    Mi guardavi e timidamente imploravi d'abbracciare
    il tuo corpo tremante vestito di una docile brezza,
    così io feci e tra le mie braccia t'avvolsi d'amore.
    Battezzai le tue labbra con un bacio dal tocco leggero
    come quello delle farfalle che carezzano i grandi laghi,
    attesi un po' e mi rispondesti con la stessa tenerezza.
    Sicché i baci si fecero più frequenti e appassionati,
    te eri bramosa di me ed io lo ero ardentemente di te,
    come se fossimo arse da una sete continua e feroce.
    Roberta Canu
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: DarkPassionPlay*

      Al mare

      Il sole ti fece un torto, amore mio,
      quando un po' troppo giocoso
      si mise con i suoi raggi dorati
      a baciare il tuo corpo così candido.

      E lì, sulla riva, atteggiandoti da ninfa
      solevi lasciarti andare in quell'abbraccio
      quasi gelido delle frizzanti onde marine
      che così bramoso pareva a me gelosa.

      Se ogni goccia di questo immenso mare
      fosse destinata a diventare un tuo bacio,
      quale cascata di delizioso e denso miele
      travolgerà le mie labbra che ti desiderano!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: DarkPassionPlay*

        Mi hai fatto morir

        Mi hai fatto morir d'amore quando
        con i tuoi occhi e il lor bel lume
        mi scagliasti una saetta al cuore
        trovandolo sorpreso e senz'arme
        nel dì ove l'estate andava sbiadendo.
        Spero di trovar perdono in chi d'amor
        s'intende, per non aver opposto resistenza
        ma anche se ragion ragiona e pone freno,
        tant'è che rido e piango, e ardo e ghiaccio,
        procura solo vane sofferenze e crucci
        senza che a disii e sospiri possa metter pace.
        Roberta Canu
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: DarkPassionPlay*

          Nasconditi nel vento

          Nasconditi dietro il vento
          e vien a trovarmi quando
          il sole ci nega il suo volto
          per non poterci osservare.

          Sfiorami tanto dolcemente
          e confonditi fra i miei sospiri,
          sussurrami ora la tua essenza
          e rinfrescami con il tuo fiato.

          Infiltrati fra le mie lenzuola
          e vieni a posarti sul mio seno,
          scivola lentamente su di esso
          e stai li finché il sol non si risveglia.
          Roberta Canu
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di