Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Rex Akragas

Profumo d'acqua

Notte di settembre
lungo la strada deserta
i pini scossi si sottomettono
al vento di scirocco
gli aghi caduti, intrecciati
ed ammassati alla loro base,
formano cuscini per fachiri.
Nel cielo, come colpi di pennello,
Immense nuvole biancastre portatrici di pioggia.
E nell'aria, messaggera di antiche essenze, un profumo forte, intenso... d'acqua.
Composta sabato 4 settembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rex Akragas
    Come la sabbia che scorre dentro una clessidra,
    ho visto in un pugno di sabbia la mia vita scorrere.
    Granello dopo granello, tutti i miei giorni, tutti i miei anni.
    Ho cercato ho sperato, stringendo il pugno, di rallentare, di fermare il loro passaggio,
    ma inutilmente.
    Aprendolo ho visto che alcuni granelli erano rimasti sul palmo... e per un attimo
    ho rivisto in essi i momenti più belli, più intensi della mia vita trascorsi con te.
    Ma inesorabilmente il vento li ha dispersi
    e, come nella clessidra, la mano è rimasta vuota.
    Vuota come la mia vita senza di te.
    Vota la poesia: Commenta