Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Raffaele Pisani

Lettera a Francesca

Cara Francesca,
mettiamo avessi casa vista mare
con il Vesuvio, Capri, Ischia e il sole
che il giorno intero tutta l'avvolgesse,
della sua luce
ma non avessi te. Che ne farei
di questo panorama mozzafiato
che non saprebbe darmi solo un attimo
dell'emozione
che mi regala il tuo volermi bene?
Mettiamo che il ricamo della luna
mi regalasse trine argento e oro,
ma non avessi te,
cosa me ne farei di un tale dono
che pur così prezioso non è niente
se confrontato a tutto ciò che sento
quando accarezzo i tuoi capelli bianchi?
Mettiamo che dal mare mi arrivasse
l'intenso suo profumo
ma non avessi te,
cosa me ne farei di questo balsamo
se penso a quanto
m'inebria di passione e desiderio
quella carnalità che la tua pelle
ancora mi regala?
Ecco, io questa lettera ti ho scritto
per dirti che la mia piccola casa
con qualche traccia d'umido,
e poco sole, e senza vista mare,
come tu entri, in quel preciso istante,
s'illumina d'amore, e al suo confronto
nessuna casa al mondo ha eguale luce!
Composta sabato 14 febbraio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Raffaele Pisani

    Saccio nu posto

    Saccio nu posto addò 'e penziere mieie
    spazie celeste trovano,
    addò tutte 'e ncanteseme d "e ffate
    vènciono 'o scuro.
    Saccio nu posto ca me dà 'o prufumo
    d" o mare,
    ca da 'e prate
    me porta 'addore 'e l'èvera nuvella,
    addò io campo
    nu palmo 'a terra
    e 'o spuorco nun me tocca
    e nè l'amaro
    me scippa ll'uocchie.
    Saccio nu posto ch'è
    cònnola 'e suonne.
    Saccio nu posto
    ca me dà pace
    comme dà pace sulo na chiesiella
    sperza 'e campagna,
    nu posto addò stu core 'e ogni pecché
    trova 'a risposta
    e trova,
    primma 'e tutte ll'ati ccose,
    ragione e genio 'e vita.
    Vicino a te.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Raffaele Pisani

      Francè (Francesca) - Dialetto napoletano

      Chesti poesie d'ammore
      nun so' parole, so' penziere 'e sole
      ca 'a dint'a ll'uocchie doce ca tu tiene
      pigliano luce
      e dint' 'e tratte appassiunate tuoie
      trovano tutt' 'o bene
      ca genio 'e vita dà a 'sta vita stanca.
      Chesti poesie d'ammore
      so' gocce 'e luna int'a na notte cupa,
      songo acqua chiara dint'a nu deserto,
      songo 'e surrise 'e n'angelo
      ca stelletelle culurate mette
      dint'a nu cielo 'e chiummo.
      Chesti poesie d'ammore
      ca tu, France', 'a tant'anne me faie scrivere,
      fanno 'e stu core ca nun era niente
      'a cònnola 'e nu suonno,
      fanno d' 'o gelo ca me turmentava
      na primmavera nova,
      e chesta primmavera
      fa 'e na speranza antica na certezza.


      Queste poesie d'amore
      non sono parole, sono pensieri di sole
      che dagli occhi dolci che tu hai
      si illuminano di luce
      e nei tuoi lineamenti appassionati
      trovano tutto il bene
      che desiderio di vita dona a questa vita mia stanca.
      Queste poesie d'amore
      sono gocce di luna nell'oscurità della notte,
      sono acqua chiara in un deserto,
      sono i sorrisi di un angelo
      che cuce stelline colorate
      in un cielo di piombo.
      Queste poesie d'amore
      che tu, Francesca, da tanti anni mi fai scrivere,
      trasformano questo mio cuore che non era niente
      in una culla di sogno,
      trasformano il gelo che mi tormentava
      in una nuova primavera,
      e questa primavera
      trasforma un'antica speranza in certezza.
      Vota la poesia: Commenta