Poesie di Pietro Colucciello

Poeta, nato mercoledì 23 aprile 1969 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Pietro Colucciello

I fanciulli di Natale

Ti prego, Bambin Gesù,
per tutti i fanciulli che stasera
hanno voglia di piangere
perché non hanno affetto,
perché non hanno nessuno.

Ti prego, Bambin Gesù,
per tutti gli orfani,
per tutti quelli abbandonati dai genitori, per quelli che vivono lontani dalla famiglia.

Ti prego, Bambin Gesù,
per i ragazzi che oggi sono stati malati, per quelli che sono stati sfruttati, per quelli che, invece di giocare e studiare sono costretti a lavorare.

Ti prego, Bambin Gesù,
per i bambini disabili
e per coloro ai quali anche oggi
il giorno è sembrato lungo e noioso.

Fermati Bambin Gesù
dalla Grotta di Betlemme al loro letto, benedicili, proteggili e guariscili.

Asciuga, Bambin Gesù,
le lacrime di tutti i tuoi fanciulli,
trasforma il Natale in festa vera!
Pietro Colucciello
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pietro Colucciello

    Oasi di speranza

    È il tramonto.
    Corro lungo la spiaggia
    contro vento,
    mentre la luce fioca del crepuscolo si
    riflette sulle calme distese marine.
    Odo le onde infrangersi
    come sogni disillusi,
    dolce e amara melodia della vita.
    Chiudo gli occhi e corro verso un'isola
    di silenzi e di pace,
    un'oasi di speranza.
    In questa corsa verso la libertà,
    la brezza marina scompiglia la mia
    chioma.
    Corro contro corrente verso una realtà
    in cui credere,
    senza voltarmi indietro.
    A volte vorrei ritrovare il passato,
    ma non è possibile,
    è troppo tardi,
    il mare cancella le impronte
    come il tempo offusca i ricordi.
    Pietro Colucciello
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pietro Colucciello

      'Na mana stesa

      Sotto a nu lampione, calato 'o sole,
      n'omme cu na mana stesa cerca
      a chi passa p' 'o vico 'a carità.

      'A luna tuzzulea a na fenesta nchiusa
      addò na voce accumpagna 'e ccorde 'e
      na chitarra

      Doce è 'o mutivo e vola e và p' 'o scuro,
      lento, int'all'ombre, nere, ca calano,
      d' 'a sera

      e regne 'e suogne chella mana aperta
      ca mò, int' 'o scuro, chiagne e astregne
      forte

      'O ricordo felice'e na stagione,
      ca 'o viento, doce, porta cu'e note
      'e sta canzone!
      Pietro Colucciello
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di