Scritta da: Pierluigi Camilli

Retrattu (Ritratto)

Quanno tu vé da Roma, cittadinu,
e 'rrivi a 'nna Valle d'a Castagna,
da' 'na vardata jò, sotto a montagna
e vederrai spettaculu divinu.
E quanno ppiani 'ncima a Murrico',
guardate 'nnanzi, versu Sant'Óreste;
ce senti e l'api che ce fau 'e feste,
'n mezzu a 'lle fila, 'lla gran pricissio'
de piante in fiuritura e de maese;
gira a capoccia versu a marina
e vederrai, da paese a paese,
u più bellu regalu de a Natura:
i suduri de a ggente d'a Sabina,
che de u lavuru non ha mai pavura!
Pierluigi Camilli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pierluigi Camilli

    'A liva

    Appena potata
    è tutta schilitrita:
    tutta spojata,
    tutta rinzicchita!
    Se 'a liva è vecchia,
    pare che te' 'a panza,
    pare che è canerchia,
    da 'na certa distanza.
    Ma lassa che a ninfa  je rescorre
    lappe i ramitti e drento a che branca,
    allora 'a senti quaci de discorre
    cou ventu che a contorce e che 'a sfianca.
    E 'a tecchia che a l'oju già precorre,
    a Maggiu 'a terra fa diventà bianca!
    I rami renfronnati,
    recropu 'e macagne;
    i vachi già 'ngrossati,
    te fau penzà 'e montagne
    de liva cota e pronta
    pe' esse macenata,
    e pure a 'nna conta,
    sennó va sprecata.
    E quanno l'oju casca trento 'a latta,
    te pare da vedé l'oro che fila!
    'Na  cósa che co' gnente se baratta!
    Eppó, se senti che 'nganna  te ppila,
    allora 'a gradasione è quell'adatta
    pe' esse 'i primi de 'na grossa pila!
    Pierluigi Camilli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pierluigi Camilli

      Carità

      Sopr'ar sagrato de la vecchia chiesa,
      c'è que'lo stroppio cò la mano tesa,
      che, senza chiede gnente a nisuno,
      aspetta un segno bbono da quarcuno.
      La gente passa e manco ce fa caso,
      perché lo stroppio, come fusse un vaso
      de stacci e pelle, nun s'è mai spostato:
      sta sempre su quer punto der sagrato.
      Cussì, i fedele ch'entreno in preghiera,
      nun fanno caso a 'sto mucchietto d'ossa;
      ma vedeno esposte in rastrelliera
      le cannele pè pijà indurgenze:
      seicento lire costa la più grossa.
      ... De fora er vecchio fà le penitenze!
      Pierluigi Camilli
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di