Scritta da: Pierluigi Camilli

Sò ricicciato!

Me scuso p'esse stato molto assente,
ma nun sempre se fa come ce pare!
A vorte un acciacco, un'incidente
nun te fa fà quer che voresti fare.
Doppo troppo tempo sò tornato,
indè 'sto sito che me piace assai:
e, come vedi, subbito ho penzato
de dillo in rima; sai nun se sa mai
avessi già scordato ch'ho sto vizzio.
Siccome sto scrivenno, dimo a braccio,
e mi moje me stà a ddà supprizzio:
"la cena è pronta, dimme 'mpò, che faccio?"
T'ho da lassà, nun è pè fà 'no sfizzio,
la cena pija er via com'a lo spaccio.
Pierluigi Camilli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pierluigi Camilli

    Dicembre

    Tra un pó firnise l'annu;
    più vecchi diventemo;
    pé quesso a Capudannu,
    ballemo e sparemo!
    'E piante tutte spoje
    quelle che perdu 'e fronne,
    u ventu 'e recoje,
    'e mischia, 'e confonne.
    U Sòle s'è sfreddatu
    e quanno scappa è scarsu;
    u tempu s'è guastatu:
    ó nuvulu è comparsu!
    U cióccu che scoppietta
    'nnu camminu picciatu,
    rellègra 'a vécchietta
    cou capu recurvatu
    che penza ai témpi antichi:
    quanno, signorinetta...
    ma mò so tutti prichi(1)
    Pierluigi Camilli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pierluigi Camilli

      Befana 2002

      Quest'anno la Befana cià portato
      quarcosa, a ddì poco, sconvorgente!
      La Lira da saccoccia cià levato,
      pè mettece un sordaccio irriverente!
      Dice così saremo tutti uguali:
      tedeschi, olandesi, itaijani,
      francesi, grechi, quelli dell'Uràli,
      spagnoli, belgi, suomi e lusitani!
      Questo potemo dì è cosa bella:
      pé chi cor cambio nun ciavrà problemi;
      pè noantri de bassa caravella,
      nun so solo probbremi: so teoremi!
      Hans co un marco compra'na ciammella:
      io co'na lira, guardo crisantemi!
      Pierluigi Camilli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pierluigi Camilli

        Amore

        L'omo se crede d'esse er Padreterno.
        Ma quanno vede una come tte,
        se sente'na gran botta qui, a lo sterno,
        sraggiona, sogna e farnetica ppé sé:
        dice io so forte; me controllo,
        ma poco poco ha modo de parlatte,
        si appena appena te po' sfiorà un callo,
        se sente ancora peggio de Astianatte.
        Perde la cognizzione de la vita:
        è come, si nun fusse mai nato.
        E si lo guardi, poi, pé lui è fenita.
        Perché cò l'occhi tua l'hai stregato!
        Intanto ar core cià'na gran ferita
        e sogna, illuso, d'esse riamato!
        Pierluigi Camilli
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di