Scritta da: Pierluigi Camilli

La Fame

Chi parla di fame?
Costoro non sanno
cos'è veramente:
ormai nella mente
hanno ed avranno
pane e salame!
Chi non può avere
vitella o salmone,
la fuoriserie,
il belvedere
è povero in canna!
E tutti gli osanna
al giocoliere
che fa il Salomone!
Le ruberie
son cose di tutti,
è un male incarnato
che ci hanno lasciato
le scorrerie.
Finché siam distrutti!
La fame, per molti,
è solo una scusa
che maschera il vizio.
Ricordo quei volti:
la faccia contusa
per fame, all'ospizio!
Pierluigi Camilli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pierluigi Camilli

    E cerase

    Belle e rosce, so tanti rubbini,
    da'a pianta, recurvatu u ramu ppenne
    e propiu come tanti chirubbini,
    farfalle, lapi e cucciulapenne,
    giranu atturno a completà a festa!
    U sole che ce fa a buscarelli
    non te porta a penzà sa che tempesta,
    'mmezzu ai rami, se quali tranélli:
    vespe, ari insetti. U scalabrone,
    ce se sfamanu a scapitu de tutti,
    quaci a respecchia a situasione,
    de chi tribbula pè recoje i frutti
    e chi, senza pietà né compassione,
    je dice se mi dà, sennò i butti.
    E fin'a quanno ognunu se comporta,
    de non mettese d'accórdo cò quill'aru,
    avoia a reportalle a sporta a sporta:
    lavuri sempre pè callicunaru!
    E se ce penzi, da che munnu è munnu,
    u mercato se regge cò l'offerta!
    Se nui ce guardessemmo pocu atturnu,
    poterrèmmo levacce'sta coperta!
    Ma ce vò propiu tantu pè capilla:
    se nui depositemo tutti quanti,
    quill'ari pozzu piagne u diesilla.
    Volete a robba? Venete a pialla,
    senza che ffà u prezzu da mercanti,
    senza che ce repassa sempre a pialla|

    Pierluigi.
    Pierluigi Camilli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pierluigi Camilli

      'A mmatina de'a Befana

      Che vò vedè cò tutti'sti fugnitti,
      'sti bammuccitti, 'sti furbi ciummacotti,
      tra'na marea sparza de giuchitti,
      sompettà qua e là come scimmiotti.
      Mazzinga e Barbi e Purginelle
      Carrarmati, pistole e ciufillitti,
      comiuncini, ferrari e campanelle,
      bambulette parlanti e schiuppitti!
      Chi se trasforma e fa l'omo astrale,
      chi balla come se ttè'e cunvurziuni,
      ch'invece porta Barbi a'nnù spidale!
      Ma quello che più piace, l'ottimale,
      so dei durgitti certe cunfizziuni:
      e nonna dice che firnisce male!
      Pierluigi.
      Pierluigi Camilli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pierluigi Camilli

        'A moralità

        Me piace'a Morale de'e perzone!
        'Gni tantu callicunu se resbea,
        e se retrova tra'e perzone bone!
        Prima'nze n'era ccórtu che ci stea!
        E'a mmatina che s'è missu in lista,
        decide: fa sapì a tutta'a gente
        che ha penzatu de fa u Moralista
        e de mettese contro u Prepotente!
        Ma a'nnà foga de fallo non s'è ccórtu,
        che non è cèrto'na bona Morale,
        quella de falla rescavènno un mortu!
        E come a me, penzo'mpò a tutti,
        non ce piace chi non è leale
        e non ze firma, se denungia i furti!

        Pierluigi.
        Pierluigi Camilli
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Pierluigi Camilli

          A pasticca nova

          Sappissi, Arià, jeri che hò léttu!
          Che se l'ésse pututu lègge prima,
          l'arrèmmo missu sopr'u giornaléttu
          e guadagnèmmo'n'ara po' de stima!
          Hò lettu ch'hau'nventata'na pasticca
          che resana'e ruttuture de capoccia:
          je refà l'ossa e quanno che je cricca,
          'a llarga come fosse'na saccoccia!
          Ce penzi sa che cósa grandiosa?
          Ce penzi a'stu fattu quant'è bellu?
          Ma quantu sarria più portentosa,
          se rallargasse pure u cerevellu
          a quella ggente sciapa e fastidiosa?
          È'nsugnu che me faccio da monellu!
          Pierluigi Camilli
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di