Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Pierluigi Camilli

Ma Dio?

ggi sta a ved a televisi,
quanno comparz'u papa in pompa magna.
Subbitu m'ha fattu un'impressi!..
A parte quanno parla ch' 'na lagna,
che m'areppresenta llu bardraccu
che porta 'ncapu, pure quanno dorme?
Me sbajo o quillu polaccu,
non a tant'apprssu a certe forme?
Vabb ch' Dio 'nterra! Ma daviro
ce penzemo che Dio de pell'aria
se porta 'ncapu llu grancasimiro?
P dd che 'a gente 'ncora t 'a malaria,
te vsti 'ncora peggio de 'n'emiro?
Ma Dio? Portarr  'na raucaria!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pierluigi Camilli

    L'Esorcista

    Ve ricordate quer ch'avevo detto,
    quann'hann'eletto sto gran bravo Papa?
    Ch'er vignarolo Papa Benedetto,
    de certo nun sarebbe stato rapa!
    Dicemmo ch'ha interesse p la vigna,
    perch'era sconveniente fa er pastore
    p un tedesco: e nun era tigna!
    Eppoi, lui, un gran riformatore.
    Defatto s' accorto, bont sua,
    ner mentre controllava li filari,
    che c' puzza de zorfo in mezzo all'uva!
    Nun ripenzanno che c' l'antimuffa,
    ha riddunato tutti li templari
    p'esorcizzacce tutti quanti a uffa.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pierluigi Camilli

      Benedetto XVI

      Quanno che oggi, p televisione,
      er Papa novo, Papa Benedetto,
      ci parlato a tutti c emozzione.
      m'ha un po' confuso p quello ch'ha detto!
      Er Papa ha cambiato professione?
      Questo s' messo a ff er vignarolo?
      M moje, ch'ascortava c passione,
      m'ha subbito scocciato er dindarolo:
      -Possibbile- m'ha detto in cagnesco,
      -che nun capischi quanto sei corto?
      'Sto Papa novo , o no. Tedesco?
      Si tu vedessi er Papa con amore,
      saressi  meno eretico e pi accorto:
      Papa tedesco, nun po' f er Pastore-.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pierluigi Camilli

        'A sborgna

        Ogni omminu t, caru Caciola,
        'nn panza, otto pupazzitti ritti
        e 'nn cervellu, drento 'na stanziola,
        sette ssediole, piene de muschitti!
        Ogni picchier de vinu che se scola,
        un pupazzittu va su  e se va a sett.
        A 'nn settimu vitru, ogni sediola
        piena! Allora che te p spett?
        Te pianta un'infernu melidittu!
        Quill'ari je fau: "Che circhi rogna?
        Vattene via che ecco strittu,
        de casa non ' sa dd sta a verggna?"
        A quillu je sse 'nfuma u cirvillitu
        E cumincia a men : ecco 'a sborgna!
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Pierluigi Camilli

          Da sempre

          Dice ched', ma ch' successo mai,
          che oggigiorno stamo sempre in guera?
          Come sar, che mo' tutti sti guai
          stanno a sort sopra sta pra tera?
          Li cataclisma, la droga, l'aggresioni,
          stupri, le truffe co' li  ladrocini;
          in pi, ce vonno toje le pensioni,
          sinno' restamo dietro ai pariggini!
          Eh, caro Peppe!, ciai memoria corta!
          Sti fatti che lamenti so' successi
          puro ne' l'era ch'oramai morta!
          Solo che allora ereno permessi
          sortanto a pochi e solo for de porta;
          e l'antri tutti zitti e sottomessi!
          Prima nun le sapevi l'avventure;
          nun lo sapevi quanno le mazzate
          scapocciaveno pre creature;
          nun sapevi de razze eliminate!
          Quale telegiornale lo diceva,
          ch'er crociato ch'annava in terrasanta
          indo' passava se riconosceva?
          Se trucidava gi nell'anno ottanta!
          L'omo, caro Peppe, un gran casino:
          da quanno comparso su' la tera,
          ha cominciato prima co' Caino;
          poi s' organizzato pe' la guera!
          Ma ha pagato sempre er piccinino,
          senza pensione e co' la galera!
          Vota la poesia: Commenta