Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Pierluigi Camilli

Acquarello de paese

Er sole allunga l'ombre su la strada;
er celo pare ch'è tutto de foco;
li ragazzini in mezzo a la contrada
s'acchiappeno e se meneno pè gioco;
le rondinelle rasenteno le case,
garrenno ner celo e saëttanno;
'na voce che te porta fori fase
ch'er fijo da lontano sta chiamanno;
l'afa der solleone s'è carmata,
ch'er ponentino già se fa sentì;
la luna presciolosa s'è affacciata,
come'na palla rosa stà a spià;
la sera è già pronta e sta a venì;
l'Avemmaria ormai stà pè sonà!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Pierluigi Camilli

    Arifrettemoce su

    Se fanno cose e nun se sa perché!
    Pijamo, tiè, presempio'na fumata:
    a vorte te distenne e un nonsocché
    te lassa drento, doppo'na tirata!
    Passa'na bella fija in minigonna:
    la guardi cò'na faccia da scimmiotto;
    ma hai guardato'na gran bella donna;
    è come vince un ber terno a lotto.
    Che!? Quanno vai a strigne, ch'hai fatto!?
    Ciai l'illusione der gusto der momento!?
    Me minchioni o me piji pè matto?
    Rifrettemoce appena un tantinello.
    T'accorgi che c'è tutto un movimento,
    che distrae pè proseguì er bordello?
    Nun credo sia riuscito a spiegamme;
    quello che vorei dì, è risaputo:
    te permetteno tutto'sto trantramme
    pè nun fatte penzà all'accaduto!
    Nun me credi? Sei un ber babbione!
    Quanno ce stà quarcosa che nun quadra,
    creeno più interesse p'er pallone,
    mettenno sott'inchiesta quarche squadra!
    Ma normalmente, riannamo ar discorso,
    te confonneno cò quarche sculettata,
    cusì nun penzi ar prontosoccorso;
    e fanno in modo che cò'na fumata,
    nun penzi de tuffatte in un ricorso,
    ché ciai la capoccia annebbiata!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Pierluigi Camilli

      Li regazzini de Napoli

      1974
      Cascheno come mosche!
      Nisuno fa' abbastanza pe' finilla!
      Sprecheno fiato pe' parole tosche,
      intanto lo sgomento più ce assilla.
      Li mijardi svolazzeno!
      Pero' so' all'ospedali le riforme
      solo cose vane che starnazzeno,
      p'arimané sortanto cosa informe!
      E morono monelli!
      Co' loro more puro la speranza
      de quarche cosa che ce manca a tutti:
      li nostri sogni belli;
      che quanno te venisse er mal de panza,
      ciai indo' anna', senza morì distrutti.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Pierluigi Camilli

        Fatti

        (1973)
        La cosa che più assilla le persone,
        è la questione de sbarcà er lunario;
        ma ppe certi, che sò caporione,
        l'assillo, invece, è d'imbarcà l'Erario.
        De fatto, de noantri pôra gente,
        se pijeno persino l'urinale;
        a l'industriale, er grosso possidente,
        je sconteno p'er furto la cambiale.
        Pè noantri, poracci debbitori
        si nun pagamo tasse sò dolori:
        ma ppè 'sti quattro zozzi affamatori
        nun c'è chi se decida finarmente
        a faje ringojà, servaggiamente,
        le malefatte, li nostri purgatóri!
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Pierluigi Camilli

          Per cui...

          Tu che te credi d'esse cosa rara,
          l'unico ar monno a esse intelligente;
          tu sei carmo, nun fai mai caciara:
          però la fai, la fai subdolamente!
          Ma nun la senti, senti quella mia
          che si la fò, pè me tutt'è normale;
          perché la mia è un'antra anatomia:
          io canto, strillo in modo naturale!
          Io nun la faccio quanno che so articcio:
          la fò che so contento d'esse ar monno;
          a vorte fischio pè scordà un'impiccio!
          Nun strillo solo quanno che so ciuco,
          rispetto li consiji de mì nonno:
          a core alegro s'apre ogni buco!
          E si sto qui, si sto a casa tua,
          nun è pè questo ch'io nun so gnente
          e tu un colosso! Vabbè, la robba sua
          è sempre meijo. Ma schiaffate in mente
          che si te sei un po' aripulito,
          lo devi proprio a noi che tu disprezzi!
          Si nun te bevi più fieno bollito,
          è proprio grazzie a noi, che tu deprezzi!
          A'sto monno, semo tutti uguali;
          a'sto monno, pè tutto è lo stesso:
          ce so li furbi, li ricchi, i manovali,
          c'è l'ignorante, er gretto e l'istruito;
          e purtroppo c'è ancora quarche fesso
          e in più quarche cafone aripulito!
          Tu penzi, amico svizzero che guardi,
          che solo tra de noi c'è questa scerta?
          Si cusì fusse, scanzete'a la sverta
          E trattece cò tutti li riguardi;
          perché saremmo er popolo mijore,
          er popolo più accorto che ce sia,
          er popolo annunciato dall'Elia:
          er mejo ch'abbi fatto er Creatore!
          Ma, io ciò mì zio che s'imbriaca...!
          E tu riavrai, invece, er tu fratello
          che a sera striscia come'na ciummaca.
          Io quanno parlo strillo, te l'ammetto
          che questo nun è proprio tanto bello;
          e tu invece? : soni l'organetto!
          Eh!, caro amico, questo che dimostra?
          Che semo tutti quanti'na minestra!
          Oddio, forse tu ciavrai raggione,
          nun proprio'na minestra, un minestrone:
          indove io sarò er pummidoro
          e quer senso d'avecce er sole d'oro;
          tu sari er broccolo che basta
          un pezzettino a impuzzonì la pasta!
          Ma stamo tutt'e dua cò la cipolla,
          col sellero assieme a la carota,
          e famo a gara a chi po' restà a galla!
          E l'acqua, che tra noi ce fa intruppà
          come legati su la stessa rota,
          chi la colora e chi la fa puzza!
          Vota la poesia: Commenta