Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Widmer Valbonesi

Cascata di stelle

Il giorno che verrà
sarà l'ultimo
di questo anno mesto.
Bagliori e botti di petardi
sfuocano il chiarore delle stelle,
provocano guaiti di cani spaventati.
Cenoni e tappi di spumante
confondono l'intelletto e danno
l'illusione, in tanto sfarzo,
che l'anno che verrà sarà migliore.
Si alza la brezza dell'aurora
e quella nebbia acre inghiottirà.
L'alba del nuovo anno il cielo
tinteggerà del chiarore delle rose.
Chissà se mi porterà nuovi sussurri
e cascate di stelle sprigionate
dal piacere dei tuoi teneri abbracci.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Widmer Valbonesi

    Il faro dei tuoi sogni

    Mi senti ben piantato
    nel molo dei ricordi
    cui con la tua mente
    ogni tanto approdi
    Mi vedi intermittente
    indicare la luce al cuore
    e come dolce onda
    a me ti avvicini.
    Sono il faro dei tuoi sogni !
    Non quelli che insegui
    e che non trovi mai.
    Quello che ti appare
    come porto sicuro
    lì, ad indicare la rotta
    da seguire, la strada
    diritta della realtà.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Widmer Valbonesi

      Bisogno di stonare

      Come un gracidare di rane
      nello stagno mi appaiono
      certe menti inconsistenti.
      Stanno in mezzo al fango
      si nascondono al rumore,
      si accontentano di mangiare
      ingrassano cantando,
      tutte come una sol voce.
      E più la melma cresce
      loro sembrano sguazzare
      si adeguano al contesto
      aumenta il gracidare
      nessuna di quelle menti
      coro di rane, sarà capace
      o avrà il coraggio di stonare.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Widmer Valbonesi

        La fuga finirà

        Scappa, scappa, eterna insoddisfatta
        sogna pure quell'amore
        che non trovi, cerca attenzione
        fra menti indifferenti.
        Un giorno capirai
        che ciò che vuoi
        lo trovi in ciò che hai.
        Vivilo con me il tuo
        desiderio di nuovo.

        Non ci sono destini fabbricati
        Da eterne insoddisfazioni.
        Scappa, scappa ma il mio ti amo
        E la mia tenerezza, ovunque
        ti raggiungeranno
        e da me riporteranno
        te, la tua mente, i tuoi sogni
        e il tuo desiderio di amore.
        Vota la poesia: Commenta