Poesie di Nino Testa

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: toti

Lu suppliziu di Tantalu

Cosi Signuri mè, cosi di pazzi,
cosi ca a raccuntarli nun si ci criri;
nun si tratta d' inbrogghi o d' intrallazzi,
ma cosi di far perdiri la firi!
Avi chi manca l' acqua 'ntrà u paisi
trentaduanni e diciannovi misi!

Tutti li Giunti e i Sinnaci passti
hannu pinsatu a cosi 'chiù 'mpurtanti
a fari 'ncuticchiari tutti i strati,
dari tutti l'aggi a li gitanti.
Hannu 'mbracatu rocca e prisantuna
e a mettiri 'ntrà i strati i lampiuna!

Ma l'acqua che 'nà cosa nicissaria
si duna sulamenti a' forasteri,
nù sintemu sulu u scrusciu e l 'aria
e i vuci di li matri e di mugghieri!
Tanticchia chi ci arriva allimarrata
è comu lu chinottu o comu urzata!

Ed ora ci mittemu a cummirciari
vinnennu sti limarri 'nbuttigghiati,
circannu di putirici rifari
di doppi cunsumi un cunsumati!
Fra qualchi misi avemu a Cifalù.
l' acqua cu la menta e cu u Zammù!

C' è tanta acqua ca si perdi a mari
ca può allagari la Sicilia tutta!
E lu populu la divi disiari
fintantu ca un si stanca e nun s' abbutta!
E curri difilatu a lu Cumuni
ca zappa, cu tridenti e cu vastuni!
Nino Testa
Composta sabato 14 luglio 1979
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: toti

    A Cefalù

    Cu veni di luntanu e ti talia,
    ci appari comu un grossu lumacuni
    li tò biddizzi sunnu la malia
    c’ attiranu migghiara di pirsuni!
    Di suttu a vecchia rocca Saracina
    tu scinni fino a’ scoghi a la marina;

    Si tuttu circunnatu di jardini
    ch’ aduranu di zagara e di rosi,
    garofoli, violi e gelsumini,
    di glicini di gigghi e di minose;
    e quannu spacca l’alba e u suli assuma
    l’ aria ‘ntornu a tia si prufuma!

    ti fannu di curuna li cullini,
    chini di castagni, ulivi e viti;
    d’ arrieri di muntagni li catini
    cu voschi di cersi, suguri e abiti;
    lu mari blu si stenni a’ i tò piragni
    unni tanta genti si fà i bagni!

    Li to natali d’ epuchi luntani
    si perdunu antrà u tempu e c’è cu dici
    ca tu nascisti ai tempi di rumani
    o addirittura ai tempi di finici!
    Lu granni Ciciruni dissi a genti
    “Tu si paisi beddu assà piacenti!”

    Tu nun piaci sulu a li forasteri
    ma sì ‘ntrà cori di tutti i paisani
    chi sunnu fora ‘ntra sti peri peri,
    p’ abbuscarisi tanticchiedda i pani!
    e di luntanu cun granni nustalgia
    la rocca tò l’ attira e l’ ammalia!
    Nino Testa
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di