Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Monica Siracusa

La via del mare

Sulle strade amare amore
del mio Sud,
scale dure
a scendere
e a salire
spiagge di grano
tenero e rena
bagnata dai baci del mare,
senza scarpe e
senza sogni da chiedere alle
stelle
passo lungo i binari
di quel treno che non ha
più fermate, storie,
valige e viaggi da raccontare.

Prego un Dio marinaio
che lascia sperare
nel ritorno dal mare,
sempre all'ora del mio
cielo rosa
che riempie
gli occhi
ogni giorno
...
in una conchiglia
suono di noi...
al ricordo delle tue mani.
Composta mercoledì 19 agosto 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Monica Siracusa

    La danza

    Ondeggio sul pelo
    dell'acqua...
    muovendo i passi sul riflesso del
    cielo.

    Mi invade una melodia
    di luce soave... e
    leggiadra, fluttuo...
    come sirena e medusa,
    un soffice alito di
    vento
    mi avvolge, mi sfiora
    i capelli d'oro...
    incerto come
    l'onda del
    mare.

    La brezza fresca...
    profuma, sboccia e schiude
    i miei petali
    di finestre aperte all'afa d'estate...

    mi osservi, e uno sguardo mi sfiora
    le membra...
    ... danzo su un prato...
    leggera e mi pingi...
    emersa Beata dal cassetto dei tuoi desideri.

    Stai lì assorto,
    t'incanto di una musica nuova che ci guida,
    fino allo stesso fiato.

    È un sogno... un mistero,
    l'incanto sottile e fragile...
    dell'adorabile.

    Così stupido afferrare
    un per sempre...
    può succedere di appartenersi per niente...
    su un telo candido di cielo chiaro
    muovendo i nostri piedi caldi,
    passeggiamo sul mondo... e
    la terra...
    ... spalanca gli occhi sul
    ... cielo del nostro arcobaleno.
    Composta venerdì 30 ottobre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Monica Siracusa

      La danza

      Ondeggio sul pelo dell'acqua...
      muovendo i passi sul riflesso del cielo.

      Mi invade una melodia
      di luce soave... e leggiadra, fluttuo...
      come sirena e medusa,
      un soffice alito di vento
      mi avvolge, mi sfiora i capelli d'oro...
      incerto come l'onda del mare.

      La brezza fresca...
      profuma, sboccia e schiude i miei petali
      di finestre aperte all'afa d'estate...
      mi osservi, e uno sguardo mi sfiora
      le membra... danzo su un prato...
      leggera e mi pingi...
      emersa Beata dal cassetto dei tuoi desideri.

      Stai lì assorto,
      ti incanto di una musica nuova che ci guida,
      fino allo stesso fiato.

      È un sogno... un mistero,
      l'incanto sottile e fragile...
      dell'adorabile.

      Così stupido afferrare un per sempre...
      può succedere di appartenersi per niente...
      su un telo candido di cielo chiaro
      muovendo i nostri piedi caldi,
      passeggiamo sul mondo... e la terra...
      ... spalanca gli occhi sul
      ... cielo del nostro arcobaleno.
      Composta venerdì 30 ottobre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Monica Siracusa

        Via

        Ti dico un bugia,
        aspetto il libro
        e una poesia,
        ci sono canzoni
        che ti vorrei dedicare
        e basterebbe così poco
        per lasciarsi amare.
        Ma il cielo scappa via
        e nn ho tempo da dedicare
        a tutto ciò che vorrei sognare.

        Staccami dal cielo e tirami giù
        nn posso costruire nessuna forma
        d'amore.

        Vienimi a prendere dalle mie paure, mentre,
        me ne vado e vorrei restare.
        Composta mercoledì 11 novembre 2009
        Vota la poesia: Commenta