Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Moira Fogli

Sognatrice
Questo autore lo trovi anche in Racconti.

Scritta da: coccinella 80
Squarcia la nebbia
e sorridi
e non importa
se dopo farà buio di nuovo

Rivesti di senso
ogni attimo
ogni secondo
ogni sospiro

e poi sparisci
e che di te non rimanga
neppure ombra
né traccia

prendi il mio cuore
e fallo cadere
nel fango
e poi calpestalo
con passo sicuro

mille volte meglio
la morte che mi viene da te
che questa vita
di niente e bugie.
Composta venerdì 16 aprile 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: coccinella 80
    Mi aggrappo a te.
    Mi rifugio tra le tue braccia,
    afferro la tua mano tesa.
    Bevo dalle tue labbra
    la mia medicina.
    La tua magia potente
    mi costringe alla vita,
    insegna al mio cuore a pulsare.
    Parla di te il mio tempo,
    parla con te il mio respiro:
    di parola in parola,
    in fittissime maglie,
    intreccia sospiri e silenzi
    e tesse la trama
    segreta di tutti i pensieri.
    Non sarei qui
    se tu non ci fossi,
    le mie gambe non reggerebbero
    il peso dei giorni,
    tremerebbero le mie mani
    e non saprei vedere il cielo
    se anche tu non lo guardassi;
    non sopporterei
    il mio male di sempre
    se tu non lo dividessi
    nel buio con me.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: coccinella 80
      Solo tu sei come le foglie
      che storniscono,
      presagio di terribile tempesta,
      e assieme la quiete
      ed il tepore di un caldo focolare.
      Tu sei il vento irrequieto
      che agita e disperde i pensieri
      così che non posso raccoglierli
      in un unico filo:
      ribelli scappano dalle mie dita
      come piccole perle
      di una collana spezzata.
      Sei l'onda tu
      che travolge gli argini
      della mia vita
      dietro cui tenevo in salvo
      le mie abitudini:
      nulla resterà dopo di te.
      Sei l'aria pulita
      dopo giorni di pioggia.
      Sei nella mia estate
      la sete imperiosa
      dell'anima riarsa:
      io mi nutro di te
      goccia a goccia.
      Sei la malinconia
      del mio autunno
      ingiallito.
      Sei nel mio inverno
      il freddo feroce
      che crepa di schianto la roccia,
      che uccide la rosa tardiva.
      Sei tu, ogni cosa
      che vive e che muore;
      sei tu, ogni cosa che esiste.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: coccinella 80
        A lungo in vano ho atteso
        che la tua porta crudele
        si aprisse.
        Tu solo tieni nascosta la chiave
        di ogni mio giorno
        e prigioniero vaga
        il fantasma della mia vita
        che la tua assenza ha trafitto.
        La mia mente anela riposo:
        esausta ti cerca
        nei remoti corridoi
        del tempo
        dove un giorno
        incontrai i tuoi occhi
        dove un giorno
        ci siamo sfiorati.
        Io ero con te felice
        io ero per te qualcuno.
        Ma ora vuoto simulacro,
        involto inutile,
        ombra dell'ombra:
        la mia anima è fuggita!
        Ferma per sempre
        lo scorrere lento
        di questi attimi infiniti,
        arresta l'emorragia
        della mia esistenza
        senza la tua voce.
        Non esiste più
        un'alba senza la tua luce
        non esiste più calore
        senza la tua mano.
        Vota la poesia: Commenta