Poesie di Michele Sarrica

Autore, nato venerdì 19 luglio 1946 a Castelbuono (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Michele Sarrica

Centu jorna a palermu

Centu jorna a Palermu
ponnu essiri picca
pi cù veni
di fora
a taliari stu mari
stu celu ca parra
sti strati affuddati
di genti ca curri
st'archiviu di storia
lassatu pi pignu
da li tanti patruna

Ma...
centu jorna a Palermu
ponnu essiri tanti
pi cù veni
di fora
p'attuppari pirtusa
a sta varca scunsata

Centu jorna a Palermu
ponnu essiri picca
e ponnu essiri eterni.


Cento giorni a Palermo
possono essere pochi
per chi viene da fuori
per guardare questo mare
questo cielo che parla
queste strade affollate
di gente che corre
quest'archivio di storia
lasciato per pegno
dai tanti padroni
Ma...
cento giorni a Palermo
possono essere tanti
per chi viene da fuori
per otturare le falle
di questa barca scombinata
Cento giorni a Palermo
possono essere pochi
e possono essere eterni.
Michele Sarrica
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Michele Sarrica

    Figghia di lu mari

    La mè terra
    è figghia di lu mari

    Pi specchiu teni auta la luna
    e accorda la sò vuci cu lu suli

    Occhi pizzuti e manu satalòri
    ti parranu smurfiannu li paroli

    La mè terra
    è un voscu di signali
    È comu'na canzuna nta lu scuru
    spicata ntra lu rèficu d'un sonnu

    'Na crocchiula ca sarva nta lu cori
    lu spinnu di chiantarisi li ali.


    La mia terra
    è figlia del mare
    Per specchio tiene alta la luna
    e accorda la sua voce con il sole
    Occhi profondi e mani ballerine
    ti parlano inventando le parole
    La mia terra
    è un bosco di segnali
    È come una canzone nel buio
    nata tra le pagine di un sogno
    Una conchiglia che conserva nel cuore
    il desiderio di piantarsi le ali.
    Michele Sarrica
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di