Malattia

Mente confusa e attonita,
difronte al lento scorrere del tempo...
La guardo assottigliarsi da lontano,
sembra oramai un corpo a sé...
Totalmente diversa da me...
Con il suo folle progetto di felicità ancora in vivo,
non è andata così come prevedeva o sperava
sulla lunga corsia della vita, e la
ricerca la lascerà morente alla deriva...
Ma lei non smetterà di battere...
Maurizio Scarmozzino
Vota la poesia: Commenta

    Le Sensazioni

    E bisogna un po' fare i conti con la tua vita,
    il tuo essere... Le scelte che ti cambieranno,
    le esperienze che ti matureranno e
    le idee che ti faranno sentire diverso...
    perché alla vita ci pensi in una fredda notte di novembre,
    con la paura per i ladri,
    il film della settimana e
    il dispiacere che sia solo un martedì...
    Ci pensi quando non la senti più appartenere a te,
    quando viscida
    ti sfugge dalle dita,
    è fredda,
    come se si sentisse un estranea...
    Non sa consolarti, ma ti resterà accanto...
    Come una calda coperta,
    che riscalda il tuo freddo inverno...
    Maurizio Scarmozzino
    Vota la poesia: Commenta
      Ti sento... come lo sbocciare della primavera,
      un soffio dell'autunno,
      una brezza d'estate...
      un caldo camino d'inverno...
      Ti sento... in una maniera
      che ancora non riesco a decifrare,
      tanto vicina e tanto lontana...
      e davanti alla confusione un certezza,
      che quasi spaventa il mio ego...
      perché amare...
      è perdersi da se stessi.
      Maurizio Scarmozzino
      Vota la poesia: Commenta
        Amore... una parola
        tanto difficile da scrivere,
        da pensare e anche solo da pronunciare...
        amore platonico
        amore che ti rende felice,
        che ti fà impazzire
        amore che non può essere amore
        se non ha queste sensazioni...
        adesso, mi sto guardando allo specchio
        vedo me, i miei occhi
        già pieni di parole
        a volte ripetitive, assillanti
        vedo i miei occhi...
        che però sono tristi e non trovano quello
        che per tutti è chiamata felicità
        voglia di vivere...
        vedo i miei occhi impauriti
        per la loro giovane età,
        intimoriti da quello che lì aspetterà...
        realistici quando sanno capire i sentimenti
        delle persone...
        innamorati perché sanno che quello
        che c'è dentro è tutto vero
        e sapranno continuare anche da soli
        quello che hanno al loro interno...
        incuranti della realtà,
        vedranno solo quello che vogliono vedere
        e abbasseranno lo sguardo
        quando quello da vedere
        sarà troppo difficile da sopportare
        e mentiranno,
        per non far intuire alcuna debolezza in loro...
        Maurizio Scarmozzino
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di