Poesie di Marisa Marimare

Croce Rossa Italiana, nato martedì 13 aprile 1965 a TORINO (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marisa Marimare

Nosotros dos

Nos hemos encontrado
nos hemos conocido
nos hemos hablado
nos hemos reìdo
nos hemos entristecido
nos hemos alegrado
nos hemos entendido
nos hemos comprendido
nos hemos peleado
nos hemos gritado
nos hemos enojado
nos hemos reconciliado
nos hemos ayudado
nos hemos querido
nos hemos amigado
nos hemos respetado
nos hemos extranado
nos hemos escrito
nos hemos distanciado
nos hemos reecontrado
nos hemos divertido
nos hemos sentido
nos hemos sonado
nos hemos esperado
nos hemos saludado
nos hemos visto
nos hemos admirado
nos hemos descuidado
nos hemos cuidado
nos hemos deseado

y me muero por decir que al menos una vez nos hemos besado...
Marisa Marimare
Composta martedì 2 febbraio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marisa Marimare

    Cuore

    Cuore
    Oggi mi sento strana,
    sensazione di solitudine, mi manca l'aria...
    ho gli occhi sbarrati gonfi di lacrime,
    non riesco a trattenerle, vogliono uscire... maledizione!
    No ti prego no...
    Dico a te: "Cuore" mi senti?
    Mi vuoi ascoltare?
    Possibile... che sei così debole da farmi stare male,
    abbi pietà di me ogni tanto,
    lascia perdere i tuoi sentimenti,
    non farmi assaporare il tuo sangue amaro...
    Dico a te "Cuore", non fare finta di nulla,
    non ignorare le mie parole,
    pesale...
    Considera il mio desidero:
    voglio gioire
    ridere
    giocare
    non pensare
    voglio amare.
    Marisa Marimare
    Composta martedì 2 febbraio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marisa Marimare

      Luce

      Sei per me la luce,
      non la luce scortese del sol Leone,
      ma del tramonto che illumina il cielo di rosso,
      e acquieta il mare fino a farlo diventare piombo.

      Sei per me la luce,
      una speranza in una lacrima di dolore;
      rischiari i miei occhi un po' alla volta,
      togliendomi il velo della cecità.

      Sei per me la luce,
      uno spiraglio in un mondo di tenebre,
      un calore nel gelo del mio cuore;
      e distendi la mia pelle dal tremolio della paura.
      Marisa Marimare
      Composta martedì 12 gennaio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marisa Marimare

        I cassetti di casa mia

        Nei miei cassetti c'e la storia di una vita
        nel mio disordine c'è un ordine scandito
        dal susseguirsi di giorni mesi e anni.
        Quando li apro, apro i cassetti della mia memoria
        tornano in mente lampi di vita, dolci ricordi, attimi struggenti.
        Vecchie fotografie che ritraggono
        visi sorridenti, la giovinezza, i sogni
        faccine al cioccolato, primi passi
        vacanze al mare, prati fioriti, il tuo primo cane,
        amici che non ci sono più persone amate portate via dalla nemica morte.
        Un nastro colorato legato a un dono
        vecchie cartoline
        disegni fatti dai tuoi bambini
        quaderni custoditi coi primi pensierini
        un vecchio mazzo di carte
        con le quali abbiam passato sere felici con gli amici
        matite colorate, una gomma, due bottoni
        biglietti di auguri per i tuoi anniversari
        un vecchio orologio che non hai buttato via.
        È tutto ciò
        per gli altri non conta nulla
        così quando non ci sarai più diranno:
        facciamo pulizia e questo gran tesoro sarà buttato via
        coriandoli di vita portati via in questa gran bufera che è la vita.
        Marisa Marimare
        Composta martedì 29 dicembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marisa Marimare

          La luna

          Nella macchia oscura   mi sorridi...
          il tuo luminare reca fascino ed eleganza,
          a volte ti lasci sopraffare da qualcuno che vuole impedire a me di ammirarti!
          Ma tu sei presente costantemente,
          tranquillizzi il mio cuore.
          Guidi i miei passi,
          indirizzi il mio cammino nel sentiero della luce,
          e non mi fai cadere in trappole nascoste,
          ho fiducia in te!
          Nella macchia oscura  sei un sovrano,
          circondato da occhi
          che scrutano   i tuoi bagliori, i tuoi misteri, 
          onore a te mio bel splendore!
          Marisa Marimare
          Composta giovedì 10 dicembre 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di