Poesie di Marisa Marimare

Croce Rossa Italiana, nato martedì 13 aprile 1965 a TORINO (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marisa Marimare

Ubriaca di dolore

Confusa nei pensieri
barcollo nelle vie
in cerca di una verità
in cerca di una gioia
in cerca di un emozione.
Speranza vana
vacua come bolle di sapone,
fragili lacrime avvolte di vino
hanno un dolore profondo
una radice di assenzio
amara vita, amara morte,
non esiste lucidità
non c'è l'orientamento
la pietra angolare,
sono ubriaca di dolore
ne ho bevuto troppo!
Marisa Marimare
Composta giovedì 29 aprile 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marisa Marimare

    I colori della vita

    Colori tenui, colori pastello
    la primavera porta con sé
    il preludio della vita,
    come quel bimbo che nasce
    e si affaccia al domani
    con carni rosee ed occhi innocenti,
    sbocciano gemme e tenere foglie,
    la terra si veste di un verde pastello
    gli alberi si colorano
    con fiori rosa e nuvole bianche.
    Le margherite occhieggiano nei prati
    insieme a viole primule e nasturzi.
    Poi piano piano la vita cambia
    dai colori dell'infanzia
    ci si avvia ai caldi colori dell'amore,
    il verde si fà scuro per far contrasto
    ai rossi accesi, ai gialli intensi,
    fiori carnosi profumano di passione e gelosia
    la calda estate, dalle lunghe notti
    piene di stelle luccicanti,
    stanno a guardare quel palcoscenico
    dove le trame, gli amori si intrecciano
    nello spettacolo continuo che è la vita.
    Giunge l'autunno
    gli animi si placano, i colori si attenuano
    si fanno dolci si sfumano
    si arrichiscono di mille venature,
    come le stagioni lasciano un segno,
    così la vita porta saggezza, maturità
    come le foglie lasciano i rami,
    così si perde la prepotenza, la presunzione della gioventù
    e la malinconia vien compensata dalla serenità
    dalla consapevolezza di chi sei tu
    con ti tuoi pregi e le tue difficoltà.
    L'aria pungente i cieli grigi la pioggia battente
    i rami stesi, nudi verso l'alto
    ti fan cercar riparo nella tua dimora
    felice chi avrà il tepore non solo della casa,
    ma troverà riparo negli affetti sei suoi cari
    dopo di che la coltre bianca
    ricoprirà la terra come un manto e si riposerà
    così anche tu avvolta nel manto della vita
    riposerai nell'attesa che
    come la primavera riporterà la vita
    Egli ti chiamerà e tu rinascerai.
    Marisa Marimare
    Composta giovedì 29 aprile 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marisa Marimare

      Capelli neri

      Capelli neri
      testimoni di una vita,
      ancora da gioire,
      da soffrire, da vivere...

      Capelli neri
      fili d'acciaio, resistenti al fuoco umano,
      forte intreccio di un richiamo della Terra Madre,
      orgoglio di un'isola ricca di saggezza.

      Capelli neri
      lunghi per un'offerta di voto
      pagato con il sacrificio
      di aver subito l'abbandono.

      Capelli neri
      odiati e amati
      criticati e acclamati,
      legati da nastri e lasciati liberi nell'aria,

      Capelli neri
      temerari, e vindici del proprio onore
      sorridenti verso l'apatia
      e vaporosi in un arcobaleno di pace.

      Capelli neri
      corona di bellezza
      di allegrezza, di fierezza
      per come eravate ieri, per oggi e per quello che sarete domani.

      Ovvero semplici capelli neri...
      Marisa Marimare
      Composta giovedì 25 marzo 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marisa Marimare

        Dolore e pena

        Il corpo suo disteso
        nella fredda stanza
        un rivolo di sangue
        sulle bianche membra,
        unica testimonianza
        dell'ultima violenza.
        Lo sguardo mio si è posato
        su colui che mi ha generato
        ira e dolore
        si tramuta in pianto,
        gli porto le sue vesti,
        loro lo vestiranno
        durante questo lungo sonno.
        Unica soluzione
        sapere che lui
        ci recherà giustizia,
        e che la mestizia
        sarà mutata in gioia
        quando lo rivedrò
        su questa terra.
        Marisa Marimare
        Composta giovedì 11 febbraio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di