Scritta da: Mariella Mulas

Il mio tempo mi racconta

Lascio al tempo
raccontare il cammino,
io piccolo attimo
ho perduto prese
che sostenessero
le mie ore
passate da un'infanzia
dimenticata
a un interpretare
al meglio i desideri...
Le riflessioni,
come vestiti cambiati
e ricambiati,
poi lisi di corsi affrontati
senza mai dire decisa
così sarà,
così voglio sia...
Ho guardato,
spesso fiacca,
tra pareti spesse
di ripieghi,
tra finestre socchiuse
di sogni,
tra vedute appannate
di convincimenti
ed ora questo tempo
sa tutto di me,
sa che continuo
la trafila delle sensazioni
a pelle,
delle parole che fiatano
ciò che non dico alla vita
che mi scorre ancora dentro
perdendosi, anonima,
come granello caduto
nell'arenile solitario
dell'anima.
Mariella Mulas
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Mariella Mulas

    ... e sfoggiò l'amore

    E l'amore
    diede sfoggio
    nei tuoi occhi,
    ti diede il giorno
    che era già infinito
    nelle sue promesse... per te.
    Ti accosti, così, alle ore
    che camminano
    ma sono lente
    per essere solo
    abbondanti di dolci parole,
    di sensazioni
    che hanno sguardi lunghi,
    carezzevoli
    ad ogni tuo sorriso...
    Si pone
    festone luccicante,
    per approntare teneri
    turbamenti
    per adornare di colori
    il tuo tempo
    e la passione
    e la certezza
    di ogni altro, di te,
    innamorato domani!
    Mariella Mulas
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Mariella Mulas

      A Sara... scomparsa fanciulla

      Se fosse certa
      la tua volontà
      capirei l'ardire del tuo pensare
      volto a un altro sentiero...
      Se quell'ansia di vivere
      altrove,
      tu giovane turbata coscienza,
      fosse parola scelta
      e capita
      non sarebbero così acerbi
      quei passi tuoi voluti
      avanzare nell'ignoto.
      Ragazzina
      d'occhi vivi,
      già in frantumi di sogni,
      pur ancora implumi
      di saggezza,
      dove sei,
      dove riponi le tue emozioni,
      sei salva da mostri erranti,
      ridi, attendi o ripensi al fato,
      scruti ancora lo stesso cielo,
      o sei, desolata, nel buio feroce
      della paura senza fine?
      Se fosse la tua volontà
      questa lontananza
      forse sapresti pure
      che non essere accanto
      diviene crudele punizione
      per te,
      e, disperatamente,
      per chi hai lasciato ammutolito
      chiedendosi ora piangendo:
      quando ho sbagliato
      da decidere tu
      il tuo stesso silenzio.
      Mariella Mulas
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Mariella Mulas

        Vestivo l'anima di te

        Vestivo l'anima di te.
        Adornata di raggi d'oro
        e veli di luna...
        per essere adamantina di fascino.
        Sempre i miei occhi
        raggiungevano la tua anima
        e coglievo i tuoi respiri
        come perle sulla mia pelle...
        E raggiante ti seguivo
        in ogni sentiero...
        donandoti essenze di me
        a profumare il nostro destino...
        Oh! Queste mete di durezza
        che ora offri ai miei passi
        sono baruffe di parole tese
        che disperdono sogni...
        Questi silenzi di cui
        t'ammanti sono catene
        che feriscono sguardi...
        Provo a indurti su orme
        di ricordi con la mano fra le tue.
        Scosti calore...
        Lasci avvertire il freddo
        che del cuore lento s'impossessa
        e penombre invernali
        s'addensano cupe sul nostro avanzare
        senza primavere alle porte.
        Mariella Mulas
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Mariella Mulas
          Come il mare,
          si, tu, mio riflesso
          d'argentine spume...
          Tu, come eterno flusso
          che inonda il mio
          sguardo,
          e che, in mille iridi
          irriverenti
          arriva su di me,
          in sparsi frantumi
          di parole
          sulla corazza
          indossata dal mio silenzio
          alla realtà dell'abbandono.
          Ma come mare
          io t'amo ancora
          e resto ad attendere
          il tuo canto,
          anch'io, sempre pronto
          arenile della tua risacca.
          Mariella Mulas
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di