Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Bramante
Hai amato in ogni luogo
e in ogni battito di cuore.
Hai amato dolcemente
quando ti veniva in mente
e l'hai fatto perdutamente.
Hai amato tra le sabbie
e nelle onde dei mari,
hai amato le tue passioni
e le tue folli visioni,
hai rapito pensieri
e hai pianto volentieri.
Hai fatto rabbrividire...
Hai amato senza nulla cercare
Hai amato di notte
sotto i cieli di stelle
mentre le onde nel vento
ti increspavano la pelle.
Hai amato ogni istante, ogni respiro
senza guardarti dietro,
hai preso occhi, anime e menti
hai lasciato cuori nei lamenti
ed ora sei sepolta da i tormenti.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Bramante

    Questa notte donna ti farò un regalo!

    Questa notte donna ti farò un regalo!
    Prenderò una coperta di stelle e ti coprirò il viso, i sogni vanno illuminati!
    Prenderò il silenzio lo chiuderò nel tuo cuscino di piume d'angelo, dove adagerai la tua leggera chioma.
    Soffierò il deserto nei tuoi capelli, ondulando delicate carezze sul tuo viso da madonna.
    Mi prenderò le tue lacrime del giorno ormai trascorso e le metterò nei miei occhi per provare il tuo pianto.
    Colerò sulla tua ambrata pelle l'olio dell'amore, spalmerò sul tuo divino corpo la colla dell'essenza.
    Intreccerò coi tuoi capelli una rete dove inserirò un bacio che porterai per sempre.
    Entrerò in un giardino e coglierò i gigli bianchi, perché tu sappia che il loro candore è la tua anima purissima.
    Costruirò un'altalena dove dondolerò ogni tuo sogno, affinché raggiunga l'infinito.
    Cavalli in corsa nella spuma del mare schiumeranno i tuoi sogni,
    lasciandoti avvolta nelle sgualcite lenzuola di una notte consumata nel dolce travaglio dei sogni.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Bramante

      Viole

      Sul... selciato,
      le consumate scarpe
      calpestano le viole
      mentre da ponente
      il vento prende forma
      e spazza via le impronte,
      dai vicoli cuneiformi del passato
      s'insinua un'acre fumo nero
      che tutti han respirato
      il male invisibile mai amato
      lasciato al sole del sagrato
      Povere viole!
      dove il male respira altro male
      nessuna primavera rinnova più la vita
      nel freddo smarrirà le coordinate
      non s'alzerà al sole più nessuna viola.
      Vota la poesia: Commenta