Poesie di Marco Nuzzo

Nato martedì 25 aprile 1978 (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Umorismo.

Scritta da: Marco Nuzzo

La danza

Corpi incandescenti,
sinuose ombre
e fuochi di mezzanotte
fusi in figure amalgamate,
valzer d'amanti infuocati
sotto cortine di stelle...
solo presenze informi...
tu dici?
Nel fumo incolore,
nella fiamma,
non riesci a sentire
la danza
delle vampe volteggianti
alla musica del vento?
Chiudi gli occhi,
apri il cuore...
vivi...
la senti, adesso
la danza?
Marco Nuzzo
Composta lunedì 4 gennaio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Nuzzo

    Ritratto di donna

    Rivoltare il tempo,
    curvare lo spazio,
    catturarti in istantanee
    in bianco e nero,
    e sfumare i tuoi problemi
    con buon vino rosso e due risate,
    frangenti condivisi
    forse superflui per te
    fulcro del cuore per me,
    mai ordinari,
    sinceri;

    organza dello Yangtze
    i vestiti e le pieghe
    ti scorrono lievi sul corpo,
    seta sulla seta,
    ma una matita
    non può narrarla su tela,
    così scalo subissi di parole
    per ritrarti a grandi linee.
    Marco Nuzzo
    Composta lunedì 4 gennaio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Nuzzo

      Ho visto

      Ho visto l'abbondanza diventare fame
      e prìncipi elemosinare un tozzo di pane;

      ho visto un uomo struggersi d'amore,
      quell'uomo adesso ha il ghiaccio nel cuore;

      ho visto poveri sorridere nella sorte,
      e ricchi piangere nella vita e nella morte;

      ho visto un cinico prestare soccorsi,
      perché non voleva avere rimorsi;

      ho visto gente scambiarsi le fedi,
      per poi scomparire con oro ed arredi;

      ho visto saggi di dubbi rivestiti,
      ho visto idioti di certezze mascherati.
      Marco Nuzzo
      Composta lunedì 4 gennaio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Nuzzo

        Ti dedico una lettera

        Mi affido a fogli bianchi
        variabili nel tempo
        e a zingare gitane,
        col futuro scritto
        dentro sfere di cristallo
        per avere in cambio
        l'indubbia convinzione
        del sole tra le stelle,
        giacché sei luce e ombra
        che affliggono la mente,
        con pensieri a volte insani,
        lo confesso,
        ma rinchiusi dalla fame di un bacio,
        prigionieri ammansiti
        dal goloso esplorarti gli occhi,
        sognatori eterni
        e specchi d'acqua
        sulle onde del cuore.
        Marco Nuzzo
        Composta lunedì 4 gennaio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Nuzzo

          Lo specchio magico

          Specchio,
          specchio delle altrui brame,
          dimmi,
          a cosa serviranno
          le carezzevoli parole
          intrise di passione,
          e amore e emozioni,
          se nel cuore dell'uomo
          c'è l'oblio
          e il sangue d'altrui schiatte
          sulle sue lame?
          E avranno forse fine
          un giorno,
          i contrasti e le devastazioni
          delle labili anime
          e gli inverni e gli inferni?
          I quattro cavalieri
          cavalcano fieri all'orizzonte,
          il tempo è vicino,
          giorno dopo giorno
          aleggiano ferri di zoccoli,
          si pentiranno,
          un giorno gli uomini,
          allorché
          l'illusione della salvezza
          si nutrirà
          delle loro anime
          impure.
          Marco Nuzzo
          Composta sabato 2 gennaio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di