Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marco Medici

Il vento

Vorrei essere il vento
ascoltare il mio cuore
soffiare sulla gente
e portarle riposo
dalle tempeste
come la sposa e lo sposo
posarmi sui rododendri
e le piante selvatiche
scaldare i nidi dei passeri sui rami
chinarmi sui giardini
e ghermirli di fiori
cullare i bambini
nelle loro altalene
di speranze
aprire le ali
e stenderle sui poveri
col mio manto lucente
di saggezza
di aria e pace
e col mio canto spoglio di cielo.
Vota la poesia: Commenta