Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Marco Giannetti

Impiegato, nato venerdì 20 ottobre 1961 a Galluccio (CE) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Marco Giannetti

Cordigliera

Nel vento la neve si posa con levità, tutto intorno il candore sovrasta ricordi di una realtà lontana.
La neve, da sempre evoca bisogno di calore, quel calore che ora vorrei nell'abbraccio del tuo amore.
Tanto lontana è la distanza del cielo, ma qui, sulle Ande il respiro è così lieve da non avere io il fiato a poter gridare la mia disperazione.
Composta giovedì 23 luglio 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Giannetti

    Melodia

    Ascolto i tuoi passi, tu li cammini lievi, senza far rumore, in questa stanza piena di confusione non calpesti nulla. Ti lasci sfiorare dal caldo abbraccio dell'amore, mi stringi al cuore e mi doni il tuo corpo, camminiamo insieme, avvinghiati in silenti piaceri... ooh l'amore, quanto cammino da riposare su profumate sensazioni, belle, più belle ogni volta che accendi in me il desiderio sopito.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Giannetti

      Esquina del cielo

      En esta noche de verano de su mirada, reuniones
      Muy lejos
      en un rincón del cielo.
      Un lugar donde no se habla,
      cuando no espía,
      donde nadie escucha.
      En una esquina del cielo
      Hay estrellas, ruffian
      la luz de la oscuridad,
      con confianza
      sin codicia y,
      no sólo es hermosa, romanzano
      Las estrellas son mudos,
      hijo no hacen, turquesa
      hacen brillar.
      Iluminar los corazones,
      desaparecer la amargura.
      Las estrellas los mejores secar lágrimas
      nadie lo ve,
      Nadie incluye-
      La sonrisa del cielo da sólo el amor,
      amar sin engaño.
      saberlo satisfacer
      Saberlo ver
      Todo ocurre en las noches más oscuras.
      Composta giovedì 4 agosto 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Giannetti

        Rugiada del mattino

        Passeggio scalzo questa distesa erbosa rinfrescandomi di rugiada senza calpestare questo inizio di primavera che sta sbocciando fiori di campo ovunque.
        Bello camminare sul soffice manto che la natura ci offre.
        È che a volte non ci accorgiamo che piccoli gesti comportano tanta serenità al nostro animo, senza dimenarci alla ricerca di luoghi lontani.
        Accarezzami rugiada del mattino, bagna i miei piedi nudi perché c'è sempre il sole a scaldare ogni nostro gesto.
        Composta martedì 11 agosto 2009
        Vota la poesia: Commenta