Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marco Galvagni

Nato lunedì 30 gennaio 1967 a Milano (Italia)

Scritta da: Marco Galvagni

L'aquilone dei sogni

Nella notte silenziosa stelle calme
brillano nel guscio del cielo,
sabbia di clessidra scorre tra impalpabili visioni
e siamo io e te, foglio
che mi sfidi a tessere il gioco delle idee.

Con ali di cera, vagabondo a casa mia,
viaggio sul pavimento lastricato della fantasia
e l'aquilone dei sogni vola come vibra questa vita,
arco teso di una memoria che non si può cancellare.

Il vaso di creta dei ricordi
annega di dolore il calamaio,
gli occhi fasciati di nebbia
sono lo specchio d'un'anima
che cerca la propria isola
scacciando i fantasmi della solitudine
e vorrebbe librarsi nell'aria
tale al merlo recalcitrante alla prigionia della gabbia.

Nel gelo di questa stanza-
non basta la vecchia stufa a legna,
il letto è di ferro, la coperta sempre troppo corta-
la teca ardente dei pensieri
sillaba un vortice di versi muti
che vanno a incastonarsi nell'aurora nascente
tracciando i contorni di fiabe d'eroi leggendari.

Sarà nel soffio di luce d'un nuovo mattino
che la mia mano dalle dita callose,
le membra in subbuglio,
s'arrenderà alla stanchezza delle parole
andando a sognare una nuova poesia.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Galvagni

    Una magica alchimia d'amore

    Tu sei la superba creatura dell'universo
    fiorita da un bagliore colto per caso
    in una notte di ghiaccio e priva di stelle
    perché il vero astro nascente sei tu,
    colei che abbaglia i miei occhi smeraldo
    con la luce dei suoi pensieri e del suo volto.

    E sarà così sinché i nostri petali non appassiranno,
    nel filo d'una treccia indissolubile,
    una magica alchimia d'amore che ci unisce
    immensa e sterminata come un tappeto di tulipani
    il cui rosso scarlatto è il colore
    del nostro mondo di passione fra le lenzuola.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Galvagni

      Il tuo sorriso

      Tu hai il sorriso di un angelo dolce
      che mi accompagnerà passeggiando per mano
      per bagnasciuga con cascate di spuma
      dove le nostre orme sulla rena fine
      saranno come le scie dei nostri pensieri
      intrecciati come ghirlande di fiori.

      Il sorriso della stella più splendente,
      dapprima un bagliore nella notte silenziosa
      e poi astro che m'abbaglia
      come la luce del nocciola dei tuoi occhi
      apparsi d'improvviso a stregarmi
      che aprono per me tutte le porte del cielo.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Galvagni

        Un lampo nel buio

        Sei un volto a me ben noto,
        tale all'unico della sfera lunare
        dove le pianure sono mari di pensieri,
        identici all'armonia del nostro destino.

        Rappresentano un'idea opposta al percorso
        nella strada maestra della vita precedente:
        ti distacchi dall'apparenza che inganna
        e trasmetti vibrazioni sinora ignote.
        La cometa più ardente di desideri.

        Sotto il tetto luminoso del cielo,
        siamo un lampo nel buio della notte
        e ci corichiamo su un tappeto di fili d'erba
        felici solo di poter giacere uniti.

        Ci desterà il sole che s'alzerà dall'orizzonte,
        la luce rosea che fiorirà nell'alba.

        Poi cammineremo verso il greto del fiume
        e c'immergeremo, nuotando controcorrente
        com'è nella vita il nostro cammino.
        Vota la poesia: Commenta